Nu cantuccio d’ammore.

Piensace ‘ncoppe a n’isola deserta

n’isola miezo ‘o mare luntano luntano,

comme si narravuoglie

n’arravuoglie de tempesta nce avesse purtato.

E nuje nce costruimme llà nu cantuccio d’ammore.

Pe’ cuperta ce tenimme e’ stelle affatate

mentre ‘a musica c’a riala ‘o mare in sinfonia.

E nuje nce scurdamme ‘o mmale e ‘a pucundria

cantanne “quante è bello campà accussì, mamma mia”!

Si tenimmece st’isola comme a sogno di naviganti sperduti,

na’ tempesta e’ Prospero  ca nce fa l’incanto

e nuje, mane dinto a mano, nce scurdamme ‘o chianto.

Annunci

Effluvio di intenso.

Ho nelle vene il languore del dire,

la pulsazione lenta di un piccolo morire,

stille di suoni, lievi palpitazioni.

E ne nascono bastarde emozioni,

intensi flussi, dalla mente ioni,

materici subliminali pensieri

che non conoscono né oggi né ieri

A volte è sangue di fragole e latte,

altre è d’assenzio, scoria di malefatte.

Eppure è effluvio di intenso il languore,

inevitabile da un cuore che gronda amore.

 

Vivido gioco.

Oscillando su membrana instabile

metto a fuoco

è questo d’arte il vivido gioco…

Nel mezzo dove luce si frastaglia

di concepimento è la dura battaglia.

Immagini, suoni, parole velate,

scorie di materiale impuro vi addensate.

Vi addensate e premete, vertiginose istanze,

della mente abitate le più nascoste stanze.

Ed io vi assorbo…

del  troppo dolore sfinito ed orbo.

Uno scostumato viaggio nel tempo (agli allievi del mio teatro)

Vola nel mio tramonto

il brillio dei vostri occhi.

L’emozione di intenso

di uno scostumato viaggio nel tempo.

Voci dalla scena, corpi in capriola,

colore dei sogni…

Si, il suono del passato è parola inteatrata

It’s a dream but a shadow…

un ecco, un ombra, larva di immenso.

E noi siamo assemblea di intenso.

Nel brillio dei vostri occhi

uno scostumato viaggio nel tempo.

Fiocchi ardenti.

Se vieni a raccontarmi i tuoi sogni

io mi faccio membrana porosa

ed assorbo…

i colori puri dello sbocciare di una rosa.

Se mi dici uno sguardo di speranza

illumini il buio del mio corpo/stanza.

Ed io dico grazie

a te che mi tendi la mano confusa di smarrimenti.

Forse non so dove condurti,

sono irti e tortuosi i sentieri delle menti,

ma, lungo la via,

i fuochi del sapere sono fiocchi ardenti.

Ora o mai più…

Ora o mai più…

dio, come odio questa asserzione,

questo omaggio all’istante perduto,

uno sberleffo alla ricchezza del vissuto.

Ora o mai più…

il tormento del treno non preso

noi, viaggiatori del tempo,

non l’abbiamo mai compreso.

Conosciamo solo l’andirivieni vagante

tra le stringhe e gli atomi del cosmo amante.

Solo passione di vita ci scandisce l’ora

e diciamo:”nell’infinito ancora e ancora…”