Fuoco di fiamma ardente.

Fiato ai miei sogni…

nel calore/colore dell’antico teatro.

E il volo dei suoni

tratteggia le eco lontane

d’umide voci arcane.

Volta celeste, volta divina,

la musa canta la poesia vicina

mentre danzano corpi dervisci

in immemori giravolte stellari

e il ventre carica l’arco del cuore

lanciando frecce nei suoni d’amore.

E nell’antico teatro s’accende

il fuoco di fiamma ardente…

Oh, nei respiri…

comunità densa e silente.

L’urdema fatica…

L’urdema fatica è chella e’ campà.

M’aggio sfasteriato e’ st’aria pesante

Nun saccio cchiu’ che d’è l’alleria

m’affanno me struje e ‘a capa me gira.

Comme vulesse mo’, maronna mia,

scaccià ‘o chiummo scuro e’ sta pucundria.

Ogne penziero, ogne desiderio

va a zeffunne comme a fossa e’ cimeterio.

Sto cantanne pesante?

Nun tené penziero… me turnarrà

me turnarrà, ‘o saccio, ‘a voglia amante.

Dei teatri e d’altri viaggi.

E continuerò a raccontare

d’antiche mura, d’ombre e suoni.

E viaggerò con sorpresi compagni

tra singulti di risa e teneri pianti.

Narrerò delle notti tra fuochi e balli

e di gradinate scoscese tra le valli.

E chiamerò l’eco lontana di melici cori

al battito unisono di sanguinanti cuori.

Oh,, dammi, divinità del cosmo,

di Dioniso la sfrenata ebrezza

del rituale antico…

fammi sacerdote con destrezza.

C’è del chiaroscuro.

C’è del chiaroscuro

in questo imminente tramonto.

Ombre lunghe in stato di quiete

lieve il vento tra gli alberi si vede.

Squarcio di silenzio

mi concede lungo lo sguardo

figuro suoni

e tra i riflessi mi attardo.

Tu che mi leggi

attendi con me il plenilunio

quando verrà sera

e Vespero brillerà oltre il chiarore

e saprà dirci: non disperare spera.

Il tempo bello.

Moi je rappèl le temp de la beauté…

Eu me lembro do tempo de beleza…

I remember the beauty time…

‘I m’allicordo d”o tiempo bello e’ na vota…

Oh, potrei declinare ogni istante

nelle lingue dei miei viaggi d’amante.

Sospirare sussurri

in consonanti d’altri mondi

geografie di inesausti girotondi…

E coniugare ad ogni parola lo straniero inverecondo

sorpreso dalla bellezza regalata al vagabondo…

Oh, c’etait là le sourir de la vie!

Oh Avia o sorriso da vida

Oh was there the smile of the life!

Na’ regione scanusciuta.

Si tu puorte ‘a mente fora d”e penziere

nun nce sta…

cchiu’ dimane, nun nce sta cchiu’ ajere.

Arape ‘a porta e’ na regione scanusciuta

na’ regione ca nun canosce tiempo,

comme fosse nu viaggio astrale

ca te porta luntano d”o bene e d”o male.

Se chiamma sta regione “Suonne d”a pace celeste”

na primmavera cosmica, n’aria de musica agreste.

Stamme a sentì, arape ‘a funtana d”o suonne,

fattelle stu viaggio…

dinto a stu munno, attuorne attuorne.

Piange il cielo.

Piange il cielo stelle d’inverno.

Pietre di fuoco dallo spazio esterno.

Son fredde lacrime e luminose facelle.

Sfiorano le gote della faccia celeste

rigandole di notte fra anime meste.

Piange il cielo questo tempo malandato

da oriente a occidente insensibile e dannato.

Oh, se le vedi,

non buttar via un desiderio svagato,

commuovi…

col cosmo il tuo spirito indignato.

Favza sta primmavera.

Mamma mia comme è favza sta primmavera!

Pare ca te dà calore, ma nun è n’aria sincera.

Li campane d”e ciure

nun te danno addore d’ammore e manco ‘o culore.

Favza è ‘a stagione, favzo ‘o cuorpe c’aspetta ancora.

Favzo è ‘o Sole, pecché dinto sente friddo ‘o core.

E favze so’ pure sti parole, so’ ditte d”a na punta e’ dulore,

sarrà ‘a viulenza e’ sta vita assediata

quase quase m’assetto…

e aspetto ca ‘a ciorta me ne dà n’ata.