Nu blues e’ dulore.

N’ata notte senz’ammore…

scrivette io stu blues e’ dulore.

L’accumpagnava nu sax straziato,

ogne nota nu lamento e nu ciato.

Sona sona strumento lucente

sona mentre ca i’ essa tengo a mente.

Damme ‘a forza, madonna mia

e’ scaccià sta pucundria…

Scenne ‘o sax in nota grave in abisso

e ‘o core mio sprofonna appriesso a isso.

Una morte gentile.

Una mietitrice sorridente…

oh se davvero fosse così accogliente,

mani gentili a cogliere il fiore morente,

mentre lo sguardo ruba

l’ultima luce a ponente…

e si fa biondo il grano in luce radente,

nello sfiorir dei petali,

l’intermittenza visionaria del dormiente.

A pieno diaframma.

I’ vulesse cantà ‘a canzone d”a luce

chella ca schiatta ‘o core

comme sulo po’ fa na freccia e’ calore.

I’ vulesse cantà na’ canzone e’ culore

chella ca te scioglie e’ vvene p”ammore.

I’ vulesse cantà e’ facce e’ nu diamante

comme sulo po’ fa’ n’anema amante.

I’ vulesse cantà cu ‘e viscere in subbuglio

a pieno diaframma…

cu stu cuorpo sperso e ‘ngarbuglio.

La tattilità del niente.

E le mani, le mani…

sono povere senza tatto.

Sono costruite d’aura di tenerezza

per intreccio tremante  in dolce stretta.

Fanno male ai palmi i pugni al vuoto

e il calore di scambio è muto.

Scriverei ora sulla sua pelle,

scriverei una poesia d’assalto,

planando,

sul suo corpo, dal basso all’alto.

Lascio invece ai polpastrelli

la tattilità del niente…

un tatto finto che lei non sente.