Un tocco d’eterno.

Nelle lunghe sere di inverno

chiudi gli occhi

e sfiori il battito di un tocco d’eterno.

Nel freddo terso del luminoso stellare

al rotolare del pianeta ti lasci andare.

E con lui viaggi nel mare sconosciuto

in ellissi infinita nel vuoto sperduto…

Oh particella infinitesima e pensante

rondella…

di sangue e spirito d’un orologio vagante

giri e rigiri…

vai e vieni nel ticchettio di cosmo ritornante

S’io canto.

S’io canto la luce scovo in me l’oscuro.

Ogni nota, ogni lemma d’ardore

scava in pietà tra le pieghe del dolore.

S’io canto l’estate

è perché conosco l’inverno

nel ghiaccio del mio cuore d’inferno.

S’io canto nel diaframma d’amore

è perché…

conosco della solitudine il colore.

S’io canto…

a che il suono vibri nel vento

è perché…

conosco del silenzio l’avvento.

Labbra d’amante.

Io nun te veco creatura distante

eppure…

‘o nomme tuojo è nota sonante.

Arfabeto se votta in consonante

e i’ te chiammo cu labbra d’amante.

‘O ssaje che m’addormo

cu sta nenia dolce pronunciata?

Tale e quale na’ litania d’arcana magia.

Si po’ mme vene chesta ata pazzia

‘o scrivo ppe’ ll’aria

e l’acchiappo cu sta mano aperta mia.

Nella coda di ghiaccio.

Voglio scrivere del mio panico di noia

del senso buio dove non fibrilla gioia.

Voglio scrivere versi di tormento

oscuri presagi di una notte di vento…

Voglio scrivere…

ma avverto solo un fruscio sordo

d’assenza cupa in un angolo di mondo.

Vorrei scrivere d’altre luci sonore

di respiri e voci d’allegrezza e bagliore,

ma so che oltre la bolla del mio finito

riparte l’alfabeto dell’amore infinito.

Nella coda di ghiaccio di una cometa vagante

si nasconde il viaggio del mio cuore amante.

Tu che leggi

prova di questa luce strana stupore

vi si annida il segno del mio sfinito amore.

Mutazione (da Anime anfibie)

Ecco che le “anime anfibie” scendono oltre la caverna verso il fondo degli abissi dove l’accogliente sito della Sirena madre completerà il processo di mutazione. Immagini e volti di pietra sembrano danzare tra le acque mentre le anime si fanno voci che ricordano prima di lasciarsi andare all’oblio di nuova vita…

Nell’accoglienza, Partenope, come un lieve sospiro d’ondaaccoglie le anime che in vortice discendono verso le volte dirute del suo palazzo inabissato:

Anime…anime…corpi di sale…e questo mare…questo mare che il mio accolse tra la battigia e il fondo…e d’alghe coralli e roccia irrorai sangue divino e di coste ed acque segnai il mio destino. Fecondate di vostre storie il mio ventre d’abisso…In voi rinasco…in me mutate al nuovo ritorno che il canto d’onda vibrando vi induce… Creatura e creature, morendo cantai siccome voi farete…Per dannazione il mio canto fu destino di naufragio e dell’amore inascoltato pagai l’oltraggio…ora e per sempre le mie note selvagge vi donino vita, mie creature randagie…d’altri mari a queste spiagge vi chiamai tra le correnti tra le maree di luna, respiro e ritmo d’altra luce…ad uno ad uno figli di questo prodigio, inesausto ciclo di magma ed acque cui continua genitura piacque…Oh, vi sento…vi vedo…ancorate alla memoria del vostro dolore c’ora sia canto che si muti in amore…donna…madre, sirena puttana il mio corpo alato si fece venatura di questo rifugio arcano…venite…venite…venite…insieme accosteremo in gioia vicino vicino quel che nel tempo e nello spazio fu per tutti voi smarrimento lontano…lontano…lontano…mare caldo, mare di luna…tutte le creature qui raduna…

Sfarfallio d’argento nel plancton vitale avvolge in vortice le creaturein un coro luminoso dove va disperdendosi il sussurro di Partenope. Mentre ad una ad una le voci, in mutazione, cantano

‘O SSaccio…I know… Je sais…Eu sei.

Quante lingue parli? Mi si chiede.

parlo le lingue del pellegrino

che ho vaghezza di suoni fin da bambino.

Del portoghese porto

le inflessioni gioiose del corpo in allegria.

Del francese serbo

la postura liquida del corpo d’amore.

Dell’inglese assumo

l’onda oscura di Edgar e Willy…

Del napoletano abbranco

dal ventre il respiro caldo del mare.

‘O ssaccio… I know…Je sais…Eu sei…

che in ogni lingua io parlo di lei.

Aiuola di intenso.

Quel che c’è nel campo fiorito

dei tuoi pensieri…

conoscerne il profumo è d’animo ardito.

Ad ogni fiore tu assegni un colore

un’essenza profumo d’amore.

Ci son pure rovi di siepe spinosa

dove l’anima fatica e non riposa.

Squarci brevi ne vedo nel tuo dire

oltre le nebbie di un lontano sfinire.

Quel che so mi dice di un giardino prezioso

nel pulsare intenso del tuo fluire venoso

campo irrigato d’una semina rigogliosa

aiuola di intenso…

dove, a volte, il mio pensiero riposa.

Farò volare…

Oh farò volare…

i miei versi in occhi accoglienti

li donerò si felici ai quattro venti…

D’altre labbra assaggeranno i sussurri

nelle notti tediose fra sogni azzurri.

E questo suono che dentro m’accoglie

vibrerà d’altri petti e d’altre voglie…

Tu che mi leggi rubane l’emozione

fa che sia tua come un’antica canzone.

Dentro troverai tracce d’un pentagramma,

fra note luccicanti d’amore e dolore

d’una anima esausta

che nel cantare non muore…

Diego (‘A mane e’ Dio)

NOVEMBRE 25, 2020

E te ne si’ juto,

arrevutanno ‘o cielo e’sta città.

Dinto all’uocchie sperute d”a gente,

nu lutto d”e viscere

nu chianto ca parte a dinto all’ossa.

E nun ce sta fossa, nun nce sta cennere

niente te po’ nzuffunà

tu rieste eterno dinto a sti carne

permanente

comme stella cometa ‘e nu presepio vivente.

E nun fuje sulo na’ sfera ca te facette lucente,

ma ‘a passiona palpitante ‘e nu riscatto putente.

E te chiagnimme si! Comme se chiagne nu parente,

ma assaje cchiu’

chiagnimme ”o vuoto e’ n’anema ardente

ca ce facette vencere, si!

Ma ‘o cchiu’ bello fuje ca nce faciste abbraccià

cantanne ammore e gioia spassiunatamente.

E i’ canto stu miracolo ca se sta cunsumanno,

dinto a stu tiempo e’ danno:

s’è cumbinata n’assemblea d’ammore,

quase na’ mistica baldanza,

nu schianto d’allegrezza e de memoria

c’accade senza sapè niente

quanne o’ vero more nu ddio ca s’è fatto immanente.

*Ripubblico questa poesia dedicata a Diego Armando Maradona ad un anno dalla sua scomparsa ❤

Scale a spirale.

Sei poi così sicuro ci sia una direzione?

Sali stanco le scale a spirale

tra profumi di bene e miasmi di male.

Giri rigiri ed è sempre eguale l’andare

e se l’asse si inclina non ne hai sentore

ma tu vai perché così ti detta ardore…

Vieni rivieni lungo le mura quadri d’autore

sono i volti antichi e dismessi d’ogni amore.

Mentre strazi di nostalgia il cammino testardo

il tuo corpo ti detta che ormai il passo è tardo.