Velature di bellezza

Posso scrivere, stanotte,

velature di bellezza:

sospiri teneri

d’umano bisbiglio;

si sa, basta poco

per un luccicare di brillio:

un nonnulla

di scomodo affetto

che si insinua, a ridosso,

del mio buttarmi a letto.

Non sognerò ,così,

con te, amplessi smodati,

ma il sapore morbido

dei baci che ci siamo dati.

Non c’è verso, non c’è verso…

Non c’è verso, non c’è verso

s’io sdrammatizzo in sberleffo

sono solo un brutto ceffo;

s’io cupo m’avvolgo dell’ombra in spira

non c’è verso: la cosa non ti attira.

Quel che non è sobbalzo

è stanca noia,

l’andare a vuoto

d’una vecchia foia.

Non c’è verso, non c’è verso:

sto per varcare un confine perverso:

la soglia blanda dell’indifferenza:

quel grigio umore del condannato

che ha preso atto, infine, della sentenza.

Rifrazione di un respiro

Tra i fogli volanti delle nostre epistole

scivola il bianco del tuo silenzio…

Immersa nell’osmosi di vite

le tracce mie ti sono svanite:

ti cerca il mio tratto a singulto,

ma non è epistola e non è insulto:

è solo rifrazione di un respiro

di un corpo nitido

che, nella mente, miro.

‘A spiga matura( delirio d’apocalisse)

Miezo o’ ggrano

se germoglia ‘a vita nova:

chella cca te dà o’ ppane

friabile e gustoso;

‘a spiga diritta e bionda

ca se pasce a o’ sole

e se fa cogliere

quanne se fa matura.

Mo’ dinto a stu vierno

s’arreteraje madre natura,

dinto a stu vierno

de menzogne senza cura.

E se rummane accussì:

affamati de luce…

e nun c’è sta’ grano,

nun ce sta spiga:

sulo ‘a tempesta

e’ chesta guerra antica.