Concepito alla morte.

Nella solitudine dell’orto degli ulivi,

sei lì che preghi nella sordità del creato

e nel dolore di una volta silente

ti chiedi…

“perché mai, dimmi, son nato”?

Oh, messaggero di carne al macello,

figlio d’uomo e d’amplesso,

il tuo dolore a te mi conduce,

pur se del tuo mistero non so penetrare la luce.

E, nel silenzio del vento notturno,

offri il tuo corpo oltre il tempo sbiadito,

tu, concepito alla morte per un tempo infinito.

Annunci

Di perle condensa.

Vanno vanno vanno i miei pensieri

tra i cirri e   le nuvole di ieri…

Vanno e si fanno di perle condensa

acqua…

aspersa di memoria, lieve, ma intensa.

pioggia d’argento per la tua pelle.

‘A madonna d”e spade.

Tu puorte ‘o nomme d”a madonna d”e spade

ca guarda l’ombra scura e’ nu  figlio ‘nchiuvato.

Essa nun maledicette l’angelo ca lle purtaje ‘o dulore

s’abbracciaje ‘a croce e se pigliaje ammore.

E addevenette accussì ‘a mamma e’ tuttequante

d’ figlie sperdute e pure de chille nati avvacante.

Pecché, se sape, ‘a forza d”e femmene

nun s’abbranca sulo dinto ‘o ventre,

ma dinto all’uocchie e’ calore…

ca, chiagnenne chiagnenne,

se fanno fonte  ca sgorga acqua d’ammore.

Armonia di luce.

Sulle rive di un lago una notte ho sognato.

Un sogno era di mille e mille facèlle…

Armonia di luce,

si confondeva tra il cosmo di stelle.

Splendore dell’erba sul prato

e riverbero d’acqua  lucente..

Te ed io in insolita capanna

a godere di brillio tanta manna.

Ed i nostri corpi, in lucore,

danzavano, immemori, in amore.

Oh, soglia onirica, brivido di infinito,

cullami,

nel dormiveglia, come allora, sfinito.