Guardando il monte

Mi incombe la visione del nero monte,

cono perverso, riverso dormiente.

Disegno è di profilo incombente,

la bruma di vespero la veste silente.

Dimmi. Sono, forse, i tuoi occhi al monte rivolti?

O, forse, nel respiro verde della lava fredda,

tu ne percorri, felice, le pendici.

Io ne vedo solo la cima.

Uniamo i nostri sguardi. Che ne dici?

Annunci

Na perla dinto ‘o silenzio.

Zitto zitto, zitto…

nun ‘o ddicere a nisciuno…

st’ammore

resta nchiuso dinto all’ostrica.

Na perla è levigata dinto ‘o silenzio

‘o silenzio e’ stu mare d’abisso

tene ‘o lusso d’a profondità.

E cchiu’ l’onda d”o tiempo l’accarezza

cchiu’ s’astregne ‘o guscio affatato.

Quanne s’arape st’ostrica preziosa?

Quanne sta vocca dolente

darrà nu vase, nuovamente,

‘noppa ‘a vocca toia sfiziosa.

Bellezza in nuce.

Trottano a frotte torelli e ninfe

scalpitano gioiosi bellezza in nuce

chissà questo passo,

nel tempo, dove li conduce.

Li osservo e li misuro

ad uno ad uno…

Tu esploderai in fragile fiore di asprezza,

tu, altro, d’amore assaporerai la tristezza

e tu…e tu…

Io li osservo e li misuro ad uno ad uno

flusso di vita travolgente

forse, di loro non saprò mai niente.

Quel ch’io chiamo amore.

Di quel ch’io chiamo amore

quel che conta è la cura.

Oh lo sfiorarsi di baci in dolce postura

è languido fremente contatto

ed i corpi scovano curiosi ogni anfratto,

ma se il dio baro della follia li distacca

no non fu amore se la cura che resta è fiacca.

Oh lo so dirai che questa è letteratura

che l’amore ha la luce nel tatto…

ma se la cura svanisce,  dico,

mi vien da pensare che fu amore distratto.

Un nuovo respiro.

O sole di un dio troppo distante,

le vedi, ora, le mie braccia tese?

Ormeggi, forse,  la tua luce in altre imprese?

Io impreco e ti prego…

Fa che il figlio mio sia fatto pesce,

donagli branche d’un nuovo respiro

ed allora si, io a te miro.

Questo fondo d’acque salmastre

mi trattiene, vedi, in genuflessa postura

le mani aperte verso l’altura

immobili e forti contro le fredde correnti

se tu le vedi, affidale alle onde e ai venti

dona il fiato anfibio al figlio mio e alle altre genti.

Un triste Flamenco.

Della mia vita ti racconto

di quello che resta o si muove

ed il tuo ascolto mi commuove.

Della tua vita mi racconti,

di quello che resta o si muove

ed il mio ascolto ti commuove.

Vibrano le note del tempo dolente

mentre il sole declina a occidente,

vibrano le corde di un triste flamenco

chiamando i corpi a tortuosa insorgenza

mentre noi parliamo soffrendo l’assenza.