E’ femmene (m’allicordo)

Mannaggia a capa mia ca nun se vo’ scurdà!

Ognettanto lle vene a mente na’ femmena:

‘a resella, ammagare o’ sguardo e’ treglia

ca se trezzea l’uocchie comme e’ carte e’ pokèr.

Nce sta’ o’ primmo insurto o’ core,

chell’ata ca mme dicette: “ammore”

e pure chella ca me facette credere

che ll’eva ingravidata pe’ l’entusiasmo.

Nce sta ‘a monella d’o treno abbandonato

e chella ca me regalaje o’ wagon lit;

tutto chesta dinto a galleria di passaggio;

ma po’ arrivano, priputente li femmene forte,

chelle ca tu tiene a mente,

comme a lucerna, matina e sera

e pe fa tuorte a loro e a te,

nun e’ pigliaste pe’ mugliera.

 

N.B. I versi nacquero sull’onda di una riflessione lanciataci, oggi, da Erospea.

 

Annunci

36 risposte a "E’ femmene (m’allicordo)"

  1. molto sfizioso questo tuo andamento di ricordi, questa carrellata femminile, si, poi in napoletano te lo ribadisco: hai delle note di colore in vivacità
    piaciuta
    grazie per aver accolto il mio invito 🙂
    buona serata, Franz

    Piace a 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...