E’ femmene (m’allicordo)

Mannaggia a capa mia ca nun se vo’ scurdà!

Ognettanto lle vene a mente na’ femmena:

‘a resella, ammagare o’ sguardo e’ treglia

ca se trezzea l’uocchie comme e’ carte e’ pokèr.

Nce sta’ o’ primmo insurto o’ core,

chell’ata ca mme dicette: “ammore”

e pure chella ca me facette credere

che ll’eva ingravidata pe’ l’entusiasmo.

Nce sta ‘a monella d’o treno abbandonato

e chella ca me regalaje o’ wagon lit;

tutto chesta dinto a galleria di passaggio;

ma po’ arrivano, priputente li femmene forte,

chelle ca tu tiene a mente,

comme a lucerna, matina e sera

e pe fa tuorte a loro e a te,

nun e’ pigliaste pe’ mugliera.

 

N.B. I versi nacquero sull’onda di una riflessione lanciataci, oggi, da Erospea.

 

Annunci

36 thoughts on “E’ femmene (m’allicordo)

  1. molto sfizioso questo tuo andamento di ricordi, questa carrellata femminile, si, poi in napoletano te lo ribadisco: hai delle note di colore in vivacità
    piaciuta
    grazie per aver accolto il mio invito 🙂
    buona serata, Franz

    Liked by 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...