Ansimare d’assenza

Vorrei ascoltare parole calde al mio risveglio

come sospiri nel vento che mi diano il meglio;

ma n’ottengo muti silenzi nel mio battito lento

eppur di te io mi rammento con lieve ilarità

che s’apre al giorno che non si fa lieto della metà

mancante al mio sospiro che nell’ore passanti

si fa battito greve,  quasi un  ansimar pesante.

Annunci

33 thoughts on “Ansimare d’assenza

  1. il peso di cui parli lo hai trasferito nei versi tutto, Franz, e arriva quasi come un soffocare, che appena salvato il respiro nel primo bagliore subito lo ingabbia

    preferisco leggerti quando pur nella dolorosità di certi tuoi scritti apri uno spiraglio, lasci che ci sia della vitalità meno cupa, ma c’è anche questo nella vita e la poesia è anche un modo, talvolta, per lasciar cadere il peso, scrollarselo di dosso, guardarlo, e reagire
    non so
    rifletto sempre con forza, lo sai, senza enunciare verità di cui non sono padrona, ammesso che una verità valida per tutti esiste e io non lo credo

    Liked by 1 persona

    1. son versi di piombo fuso, vero nei quali alligna, tuttavia, la lieve speranza di inizio giornata..andata poi dispersa…ma in quell'”ilare” v’è da leggere una disposizione alla gioia , sia pur piccola, di un pensiero al risveglio…poi c’è il silenzio che si fa via via reale e quell'”ilare” si fa cupo pensiero…ormai amo scrivere questa danza d’umori e mi concedo anche all’enjambement che in me è raro…proprio per lasciarlo fluire libero….son così sti giorni ed è così la mia poesia.

      Liked by 1 persona

      1. capisco. uno stato intimo tuo molto personale. così come il silenzio che ne è la proiezione al di fuori di te. La speranza va forse sempre dispersa nelle nostre vite quotidiane, perché da sola non basta mai, ha bisogno di gesti, azioni, reazioni. E’ vero.

        Liked by 1 persona

      2. si, risposte alle tue richieste…risposte forti che non arrivano e che credo , ormai non arriveranno mai…a volte basta una parola o due…un calore atteso per darti forza…ma non lo si può pretendere…e la gabbia di piombo fuso, alla fine, la vince.

        Mi piace

      3. non so che dirti. Ignoro cosa t’accade e mi sembra troppo delicato dirti qualcosa che può apparirti sbagliato. Per la mia esperienza personale posso solo dire che a volte le attese sono disattese per tanti motivi, alcuni a noi oscuri, ma anche lontani da quel che ipotizziamo e per cui ci struggiamo. Mi auguro che sia questo il tuo caso. E se non è questo, spero comunque che passi questo tuo momento.
        con affetto ti dico queste inutili parole da lettrice estranea, mettila così.

        Liked by 1 persona

      4. si hai ragione…mi struggo per ombre e proiezioni…e poi le parole non contano contano i fatti…che tu sia estranea è ovvio…ma come lettrice mi sei cara…e vicina…gli estranei sono altri, i disattenti gli stupidoni…i cialtroni …chiunque voglia dirmi cose belle e calde m’è caro e non estraneo…gli estranei mi fanno paura…nascondono sorprese e irrisioni inattese…mi capitò una notte sul ponte vecchio a firenze…ero con la mia donna e lei soffrì che altri intendessero la nostra fusione come vera…dimenticando che l’amore è spudorato veemente e si beffa di ciò che altri pensano o intendano…ma questa è una storia lunga che tu non puoi conoscere…la scriverò da qualche parte perché il mondo sappia…perché io ormai strabordo e non riesco più a contenerla…e quando la leggerai se la pubblico…non sarai estranea ma lettrice di un amore disperato …spero e so , con la tua sensibilità, che saprai commuovertene….grazie del tuo affetto

        Liked by 1 persona

      5. sono solo attenta nel leggere e discreta, anche quando commento con forza, e penso questo sia ormai chiaro di me. E mi tengo sempre un passo indietro dal privato, già ne discutemmo, per un mio approccio di delicatezza e per la consapevolezza che ho sulla mia incapacità di comprendere, perché siamo comunque sempre alterità che si confrontano, qualunque sia la vicinanza fra noi. Credo di avere i miei limiti umanissimi come lettrice, anche se sono molto sensibile, questo è vero, me lo concedo. Sugli amori e sulle storie credo che abbiano a volte scatenamenti rumorosi, ma la bellezza sia poi trovare un silenzio d’ascolto. Questo per me è importante anche nella scrittura, è un mio modo, certo, specifico: quando scrivo ho necessità di uscire da me o sento strette le mie stesse parole. Ma credo adesso di aver preso la tangente verso cosa sono io quando scrivo, uscendo dall’aderenza al tuo di discorso. Ma anche questo è confrontarsi, no?
        grazie per la tua stima. Resto piccola cosa io sempre, ma una creatura, questo si
        notte, franz

        Liked by 1 persona

      6. Capisc o quello che dici, ma a volte sai la poesia è trasferimento di stati parziali della coscienza e si scrive su quegli stati parziali…non èdetto che siano tutto te stesso….trovi che quello stato suona e canta una melodia, sia pur struggente, ed allora la melodia vale più del tuo stato…insomma io non sono la mia poesia…come tu non sei la tua…io amo scrivere sugli stati amorosi è tradizione antica e nobile e credo di riuscire a far vibrare qualche emozione…il resto è vita…con tanti altri stati di coscienza…e con tanto silenzio d’ascolto. 🙂

        Liked by 1 persona

      7. io pitto casa, invece. Devo misurare le risorse per un viaggio, come ti dissi. Vediamo se mi riesce a breve
        Poi, invidiatemi, qui la città se si svuota è tutta mia! l’unico problema è che le meno auto le sento e vedo (a fil di pelle, ohi) sfrecciare come su un circuito di F1…
        buon pranzo allora!

        Liked by 1 persona

    1. ah ah ah! Giusto! Ma comme se fa a dà turmiento all’anema! ah ah ah grande gragnaniello! …comunque in poesia si esperimentano anche gli stati struggenti…non è detto che che siano esattamente gli stati di chi scrive…s’avverte un estremo e lo si riconverte in versi…e chi dà tormento all’anima puòriconoscersi…mettila cosi, Katia! 🙂

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...