Pazzia d’amore

Qual languore prende ne la pazzia d’amore

m’estrema un  pireo lascivo antico furore

di corpi attratti pelle a pelle in perversi pensieri:

nullo gioco escluso al senso di un venire in fieri.

Angelo mio carnale fatti demone lussuoso

c’ogni tuo piacere sarà mio e a noi festoso.

Annunci

33 thoughts on “Pazzia d’amore

  1. “Ella appariva, così, la donna di delizia, il forte e delicato strumento di piacere, l’animale voluttuario e magnifico destinato a illustrare una mensa, a rallegrare un letto, a suscitare le fantasie ambigue d’una lussuria estetica. Ella così appariva nello splendore massimo della sua animalità: lieta, irrequieta, pieghevole, morbida, crudele.”
    GABRIELE D’ANNUNZIO

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...