Un’alchemica stilla

Di grazia mi fa grazia

la tua attesa di gioia

se in me si fa un po’ di luce.

Di grazia, mi fa grazia

se mi chiedi di non morire

ed io, nel mio dire e ridire,

di vita m’imbevo

se a te giunge

l’alchemica stilla

del mio cantare.

Annunci

47 thoughts on “Un’alchemica stilla

      1. una volta avevo una ragazzina a scuola, quando seppe che stavo per venire a Napoli si preoccupò e siccome era di origini napoletane chiamò tutit i suoi parenti che mi vennero a prelevare alla stazione e mi fecero da scorta…anche se andavo all’Hotel Ramada che era proprio davanti alla stazione ahahahaha

        Liked by 1 persona

  1. Con parole lievi, che riesco a dire solo a voce bassa emozionata, hai fatto sentire ciò che dovrebbe esserci sempre tra noi creature.
    “Di grazia, mi fa grazia”
    Bella poesia, Franz, bella.
    “l’alchemica stilla
    del mio cantare.”
    giunge profonda.
    gb

    Liked by 1 persona

  2. Non perché sono egocentrica…ma questa poesia me la sento un po’ mia….” la tua attesa di gioia
    se in me si fa un po’ di luce.” questo verso poi…la mia gioia che infonde gioia in chi ascolta le mie giornate che viaggiano tra l’ombra e il sole…e che sorride se io sorrido…e gioisce se io gioisco…magari non è proprio così…magari il significato è differente ma io l’ho letta in questo modo e mi ha fatto sorridere! Grazie Franz sei davvero un artista! ❤

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...