Quanne me ne vaco

I’ nun saccio addo’ vaco, quanne me ne vaco:

po’ essere ca scumpare mieze a l’onne d’o’ mare;

po’ essere ca me faccio nuvola a forma e’ cirro,

o, ammagare, acqua e’ ciumme ca vellicola li ciottole.

Po’ essere e nun po’ essere.

‘A verità? Nun è che me ne fotte assaje.

Una cosa sta llà certa e cca’ o’ ddico:

quanne me ne vaco, pa’ via d’o suspiro,

sulo nu nomme m’esce, o’ tuoio,

a dinto all’anima de chisto cuorpe antico.

Annunci

14 thoughts on “Quanne me ne vaco

  1. E’ musica per me.
    Bella bella, Franz.
    Poi in questa tua lingua unica…
    Tutto si sente sulla pelle e scivola nel profondo. E’ incredibile.
    Grazie 🙂
    Gelsè

    Come vorrei sentire questi versi detti da un napoletano vero!

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...