Imperituro amante

Non mi permetti più un pensiero impertinente

perché ombra ti fai, un’ombra assai dolente.

Eccomi qui, a misurare, silente, i passi di te svanente.

A che stanare, nel cerchio mantico del dire,

di tua ombra carne, che essa non ama il suo sentire.

Ahi,  m’avviene stanchezza e torpore

se, in lontananza, si spegne un amore;

si spegne dell’ardire il pubico ventre

ormai sa che in te non più ludico s’accende.

M’abbarbico, allora, ad un pensiero costante

che non ha più eco e resta rifratto, rinchiuso

nel mio battito di imperituro amante.

 

Annunci

16 thoughts on “Imperituro amante

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...