Voglio cantà l’alleria

Voglio cantà, pe na vota a’ faccia e’ l’alleria,

‘a strizza e’ vita ca se prova miezo ‘a via,

quanne sciamano femmene e guagliune

sotto e’ lluce frizantelle e’ sta città monella.

Voglio cantà l’ammore co o’ pizzo a riso

ca nun se po’ chiagnere sempe co o’ core mpiso…

voglio cantà…voglio cantà… voglio cantà…

Che ffaje? m”a faje pure tu na bella resella?

Accussì io m’addobbo rirenne e tu faje a stessa cosa.

Nce staje?…E che te costa? Acala l’uocchie e ride,

famme cuntento, accussì m”a spiego st’alleria.

Annunci

29 thoughts on “Voglio cantà l’alleria

  1. di certi miracoli: rimettere il riso sulla faccia. a volte sono capaci solo i piccirilli. Almeno io ci vedo come una creaturina che riporta la gioia. Anche un uccellino sul davanzale, per quanto ignaro.
    sempre ricco nel tuo napoletano

    Liked by 2 people

    1. Bella questa tua lettura, molto delicata…naturalmente c’è , come da tradizione, il richiamo al riso dell’amata….Un pensiero che può spiegare un’imprevista, momentanea allegria…ma ci sta pure quello che dici…”una creaturina che riporta la gioia”…

      Liked by 1 persona

  2. E damme, Cecce’, nu vasillo,!
    – nu vasillo, gnerno’, gnerno’!
    E damme, Cecce’, nu vasillo,!
    – nu vasillo, gnerno’, gnerno’!
    Si nun me lo vuo’ da’, me soso e me ne vaco da cca’!…
    Parte con tutte le buone intenzioni, conto che finisca con tanta alleria. Grazie Franz

    Liked by 1 persona

  3. è un riso di complicità che scatta tra due animi affini nel momento in cui uno dei due lo vuole 🙂 Ci vedo un’affinità elettiva che conosco, perché l’ho provata (non di rado, direi)… Ti porto a ridere così giustifico anche il mio voler ridere… che c’è di meglio? Al massimo è amore, ma ci sono mille sfumature di complicità che posso attivare questa bella sintonia. Bella giornata Franz :-)*

    Liked by 1 persona

  4. “Voglio cantà l’ammore co o’ pizzo a riso
    ca nun se po’ chiagnere sempe co o’ core mpiso…
    voglio cantà…voglio cantà… voglio cantà…”
    E si potrebbero cantare questi tuoi versi, sì. E’ musica.
    E come può una creatura a te affine non essere mossa al riso se tu ridi?
    Che bella è questa complicità che allontana le lacrime e fa muovere le labbra di entrambi in un riso che canta “l’alleria”!

    “Nce staje?…E che te costa? Acala l’uocchie e ride,
    famme cuntento, accussì m”a spiego st’alleria.”
    Apprezzo molto questi tuoi versi. ❤
    C'è un gioco che tu sai far captare, sì, cogliere e vedere nelle movenze dei volti e… che illumina il mio animo.
    A questo contribuisce anche il ricco il napoletano che tu usi.
    Grazie, caro Franz.
    🙂
    Gelsè

    Liked by 1 persona

      1. Io ti scrivo quello che sento nel leggere i tuoi versi, sì, con partecipazione viva.
        Apprezzo questa tua poesia perché mi fa cogliere colmo il desiderio di “alleria” che vuole essere comunicato a un’altra creatura.
        E poi è musica, Franz caro!
        🙂
        Gelsè

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...