M’arrabatto

M’arrabatto di pensieri e spurie faccende

ma non trovo di mia vita giuste prebende:

s’introttola la mente in speranze e tracce

mentre mi distraggo preso d’altrui facce.

Tu mi sorridi? M’è grato e di te mi scordo;

quell’altro mi parla e mi fa eco in un ricordo.

Così, nel pellegrinaggio del giorno m’annullo,

smarrendo la cara nostalgia di me fanciullo.

Annunci

56 thoughts on “M’arrabatto

  1. sei tremendo Franz 🙂 … Indaffarato nelle tue mille cose, ti dimentichi anche delle pene del cuore 🙂 Carinissima e “lieve”, tanto per usare un termine che mi è stato in testa gran parte della giornata. Ti arrabatti e ti ri-arrabatti..mi sembra di vederti 😉 ..ti meriti un bacio ;-)…sulla fronte ehhh

    Liked by 1 persona

  2. Ci si sente estranei al mondo. Ma come dice @erospea è lì che un io deflagrato in mille noi ci abita.
    La nostalgia del fanciullo nella notte dei doni è più di una coincidenza. Sembra quasi un’indicazione di via. Un’invocazione.
    La mente che s’introttola è un’immagine riuscitissima per descrivere uno stato di pensieri che assalgono la tranquillità del cuore. Quando capita a me, spengo la testa e medito nel corpo.
    Anche in lingua sai “suonare”.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...