Dialogo tra il “perduto” e la “Speranza”

-Mo’ vene, mo’ vene, o’ canto in litania,

‘a notte scura,

cumpagna e’ gelo, ca mme porta via.

Mo’ vene, o’ ssento,

mmo ddice ‘a solitudine e pure ‘a pucundria.

-Statte zitto, statte zitto,

nun tte chiammà sta ciorta ‘nfame,

si  tu respire speranza,

o’ core tuoio se fa’ de fiamma…

-E addò l’appuoio sta speranza,

si nun sento de na voce nu rummore?

-‘A tiene appisa dinto all’anema,

comme a nu ciore ghiacciato,

e tu e’ mparà, d’o’ capo, a la chiammà ammore.

Annunci

33 thoughts on “Dialogo tra il “perduto” e la “Speranza”

  1. Percepisco globalmente il senso di questo tuo pensiero, anche se una parafrasi puntuale mi sarebbe difficile da fare. Qualche termine del tuo napoletano mi è u po’ ostico, ma poco importa, piano piano imparerò 🙂 E’ la speranza..e se arriva lei la sorte cambia. E’ racchiusa nell’anima…e se esce ti sconquassa il cuore 🙂 Trovo che sia bellissima nella sua musicalità e nel suo senso… Buonanotte poeta, a domani 🙂

    Liked by 1 persona

  2. “-‘A tiene appisa dinto all’anema,
    comme a nu ciore ghiacciato,
    e tu e’ mparà, d’o’ capo, a la chiammà ammore.”
    Sto nseguendo la tua farfalla… che per me è la speranza che ti indica qualcosa di importantissimo nell’ultimo tuo verso.

    Bella anche per la sua musicalità.

    “Si gross, Franz”. Non so se si dice così “Sei grande, Franz”. 🙂
    Gelsè

    Liked by 1 persona

    1. Ah, la speranza ha proprio le ali della tua farfalla che ti parlano mentre si muovono e vanno al di là… e in questo loro andare ti indicano la via…
      Ho riletto perché mi piace molto.
      E poi la musica della tua lingua…
      Gelsè

      Liked by 1 persona

      1. Allora come si dice correttamente “Sei grande, Franz” in napoletano? 😉
        Gelsè

        Grazie per avermi scritto “come il tuo generoso affetto…cara Gelsè”
        Mi accosto ai tuoi versi non solo con affetto, Franz 🙂
        Gelsè

        Liked by 1 persona

  3. Che splendido dialogo mio caro Franz. Se ” rinto a’ notte scura si fa strada a’ speranza” tutto s’illumina mio caro. E luogo migliore del tenerla ” appisa dinto all’anema ” chiammandola Ammore, non c’è mio caro Franz. Non so se ho scritto decentemente , tu ad intuito penso capirai lo stesso cosa intendo. Per ora ti abbraccio forte forte, ringraziandoti per dei versi che volano alti. Un bacio. Isabella

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...