Pure all’urdeme viaggio

Comme a criatura e’ Dio t’aggio ncuntrato

no miezo a na via, ma è comme si fosse stato:

Tu mme guardave cu l’uocchie allampanate

e i’ te guardavo cu l’uocchie tristi d’o passato.

C’amaieme…ce vuletteme bbene

e fujene anni de grazie e de pene…

Mo nun saccio e’ che morte murette st’ammore

si pure murette…

Chello che saccio e che fuje cosa carnale

senza nce spià si fosse bbene o male:

mo io mme struje

tu pure, forse te struje….

e mo’ se contane l’anne

ca, comme a na migrazione,

luntano se ne vanno;

ma te pozze dicere, ‘n coscienza

ca, pure all’urdeme viaggio,

sti carne meje te cercarranno.

 

Annunci

38 thoughts on “Pure all’urdeme viaggio

      1. È bello avere una padronanza del proprio dialetto. Io… non ho avuto la stessa fortuna. Pur leggendo Camilleri nel cercare di scrivere nel mio dialetto di origine sono un cencio polveroso. Mah… peccato. 🤗

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...