Quanne vene ‘a staggione.

Quanne vene ‘a staggione

se fa’ cchiu’ pesante

d’a vita ‘o pigione.

C’hanno dato in affitto

nu cuorpe amante

e po’, a dispietto

chelle ca tu vvuo’

è sulo desiderio mancante:

nu cuorpe ‘e femmena distante.

Quanne vene ‘a staggione,

l’anema mia

vulesse vulà cuntenta

mpietto a chella

ch’essa tiene a mente.

Ma stu desiderio arcano

vola vola

se sciugliette a ‘o sole:

comme a la cera

de icaro le ali

ca se pensava e se scansà ‘a prigione;

ma se truvaje a funno

pecché e’ se sta quiete

nun vulette sentì raggione.

 

Annunci

6 thoughts on “Quanne vene ‘a staggione.

  1. Non c’è quiete nel travaglio del disio… che salendo si riscalda… ardor di fiamma e vivo verso che le mie ali scioglie nel precipitare di un’assenza… e ora in silenzio ascolto l’inesauribile sorgente del poetare…
    Ciao poeta, iago.

    Liked by 1 persona

  2. …ispirati dalla forza del verso dialettale che condensa espressioni assai più ampie…
    Quanto tanto c’è in quel poco?
    Radice e perla d’aforisma in un tessuto di poesia che, ogni volta, mi sorprende e mi emoziona… al vizio ormai sembiante…
    Caro Franz, la tua Musa è privilegio… iago.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...