Ebbè i’ pazzeo

Ebbè…i’ pazzeo,

pazzeo pe’ nun murì:

dinto sta pucundria

se nquieta st’anema mia;

se fa’ lieggia

pe’ nun sentì ‘o piseme

che comme a chiummo

‘a tene ostaggio.

Che d’è?

Te pigli collera?

Aggià sprufunnà sulagno

pe’ mentre ca me lagno?

Tengo e’ forze d’o male

appise dinto e’ ccarne,

juorne pe’ juorne,

senza via di scampo…

Teneve a tte:

l’addore permanente

e’ na parola suadente:

me l’e’ luvata

e pure tenive ‘ diritto,

ma lassame, almeno,

‘a forza

e fa ‘o strunze strafritto.

Annunci

28 thoughts on “Ebbè i’ pazzeo

  1. Mi piace molto l’inizio che mi ha ricordato il grande Pino
    Appocundria me scoppia ogne minuto ‘mpietto …
    appocundria nisciuno ….
    L’operina continua e tu aia pazzia’….
    questa si legge d’un fiato e si capisce lo sfogo!
    Buona serata poeta inquieto👏👏👏👏😊

    Liked by 1 persona

      1. Quella cazzimma da gente vera…. che non ha paura di nulla e di nessuno, che affronta la sfida con determinazione, ecco…in questo senso
        Era così: je so pazzo je so pazzo nun nce scassate ‘o cazzo
        International appunto

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...