Buonanotte in-canto.

Canto la buonanotte al tatto assente

all’intreccio frontale che mi sfiora la mente;

canto al notturno perverso languido e diverso

ritmato nei sussurri delle nostre mani frementi.

Canto la buonanotte di baci sfinenti

lungo il crinale

che va dalle labbra ai seni ardenti.

Canto l’infinito languore

che ancora alligna nel mio notturno

con la mano del dormiente

che indaga ancora tra le tue cosce.

Questa è la buonanotte che canto

evocando ancora quell’incanto.

Annunci

14 thoughts on “Buonanotte in-canto.

  1. Arde la mia notte
    nella sete di te
    che non si sazia…
    È acqua che dentro
    il fuoco svapora…
    Rapide le mani
    percorrono i sussulti
    dei corpi trepidanti…
    nell’ebrezza del buio
    arato dalle scie
    d’un cielo ardente.
    Torbidi sussurri
    increspano la quiete
    e ogni mio passo
    ricalca la tua orma…
    mentre la voglia
    feroce morde
    il nostro sonno.

    Ciao Poeta, iago.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...