Lo sconveniente sobbalzo.

Nel notturno s’assapora il tempo,

nel silenzio basito in assenza di vento.

Nell’oscuro che trema scorgi le ombre

umanissime e care fragili sembianze

e le pensi mentre lievi t’avvolgono,

per un istante carne, per un istante un bacio.

Nel notturno s’assapora l’assenza

l’algido frutto della tua percorrenza.

Oh, come chiamare il piccolo tremore,

lo sconveniente sobbalzo d’un pensiero d’amore?

Annunci

18 risposte a "Lo sconveniente sobbalzo."

  1. Mammamia che bella!
    Ma algida….lei (?) …..o ciò che ne è rimasto…non so.
    Come chiamare e definire quel tremore, quel sobbalzo…? Hai ragione:bella domanda, Franz.
    Ma poco importa la domanda se la paragoniamo a quello che abbiamo sentito nel sobbalzare💋

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...