canto primigenio d’una protocellula vivente.

Nascette io dinto a nu brodo primordiale

nun sapevo niente né d”o bbene né d”o male.

Io, comme protocellula d’organismo  vivente,

nun m’immaginavo manco c’arrivasse tanta gente.

Po’ dice c’arrivaje l’evoluzione

cumplicannese assaje la situazione…

Anfibi, rettili, quadrupedi, bipedi

distruzione, rinascita ancora evoluzione…

Ma mo, visto ca ppe’ miracolo de poesia

pozze parlà nu poco pure d”a storia mia

ve dico ca chell’acqua de nascita bollente

era fatta pure de musica silente…

io nun saccio buono si primma e ‘me

nce steva quaccosa o pure sulamente niente

fuje na’ luce bbona da na stella proveniente

ca me lassaje cadere e me dicette:

“Va, pasce crisce… e popola sta terra e’ gente”

Mo dinto na’ notte stellata alla marina

guardate e’ stelle, l’acqua e ‘o cunnulio de l’onne

e sentite de me l’esistenza antica

e pensate a me comme padre e madre, volente o nolente,

de tuttequante razze umana e animale…

a me ca cadette a coppe na’ stella

cu ‘a speranza e’ fa nascere gente lucente e bella.

13 risposte a "canto primigenio d’una protocellula vivente."

      1. Anche da noi abbiamo un quartiere che si chiama proprio La Marina, è vicino al porto e la sera, all’imbrunire è meraviglioso passeggiarci e stare in silenzio, nell’ascolto del respiro circostante…

        Piace a 1 persona

      2. Grazie ❤ allora lo trattengo e lo faccio germinare…è già in fase di "gestazione"…gestazione d'origine, appunto 🙂

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...