Orizzonti di memoria.

Fra le carte d’un romanzo, a pagine aperte, folle

scrivo i brandelli che il corpo stanco raccoglie.

Non v’è capitolo o tessera che non sia storia in-finita:

tracciato sospeso d’ogni possibile piccola vita…

Gli occhi, ancor oggi, non vagano spenti,

cercano, inesausti, la luce interna dei non vedenti:

Orizzonti di memoria… d’altri mondi scoria.

8 risposte a "Orizzonti di memoria."

  1. . . . *LAURIE: *L*inizio della memoria
    * The beginning of memory • https://youtu.be/_RZpphITFM4
    TESTO
    .
    There’s a story in an ancient play about birds called The Birds
    And it’s a short story from before the world began
    From a time when there was no earth, no land.
    Only air and birds everywhere.

    But the thing was there was no place to land.
    Because there was no land.
    So they just circled around and around.
    Because this was before the world began.

    And the sound was deafening. Songbirds were everywhere.
    Billions and billions and billions of birds.

    And one of these birds was a lark and one day her father died.
    And this was a really big problem because what should they do with the body?
    There was no place to put the body because there was no earth.

    And finally the lark had a solution.
    She decided to bury her father in the back of her own head.
    And this was the beginning of memory.
    Because before this no one could remember a thing.
    They were just constantly flying in circles.
    Constantly flying in huge circles.
    .
    .
    .
    C’è una storia in un’antica commedia sugli uccelli chiamata Gli uccelli
    Ed è una breve storia che precede l’inizio del mondo
    Da un tempo in cui non c’era terra, né terra.
    Solo aria e uccelli dappertutto.

    Ma il fatto era che non c’era posto dove atterrare.
    Perché non c’era terra.
    Quindi hanno semplicemente girato intorno e intorno.
    Perché questo era prima dell’inizio del mondo.

    E il suono era assordante. Gli uccelli canori erano ovunque.
    Miliardi e miliardi e miliardi di uccelli.

    E uno di questi uccelli era uno scherzo e un giorno morì suo padre.
    E questo è stato un grosso problema perché cosa dovrebbero fare con il corpo?
    Non c’era posto dove mettere il corpo perché non c’era terra.

    E infine l’allodola aveva una soluzione.
    Decise di seppellire suo padre nella parte posteriore della propria testa.
    E questo è stato l’inizio della memoria.
    Perché prima di allora nessuno poteva ricordare nulla.
    Volavano costantemente in cerchio.
    Volando costantemente in grandi cerchi.
    .
    .

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...