D’altri poemi e canti…

Stamane passeggiavo lungo la battigia

in filo d’onda a sfiorare carezza d’acqua.

Mi sorprendo, supponente, a pensare…

A noi uomini tutto questo è dato cantare…

Stupida creatura!

E tu pensi che il balbettio di parole

o melodie che imitano disperate i suoni del mondo

siano quelle l’archivio d’ogni bellezza in profondo?

Il canto delle balene nelle notti lunari

Non è opera, forse, di natura e mistero?

E il richiamo che si ripete millenario

d’ogni specie volatile, non è canto/incanto?

E amico frena!

La biblioteca dell’infinito

è ben oltre la manifattura del tuo incerto dito.

Ascolta, senti, immergiti…

tra i suoni e i poemi di questo misterioso ordito.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...