‘O penzà carnale

M’addormo ‘a notte e quase te sento vicino respirà.

Me sceto ‘o juorno e ‘o ciato tuoio nu sussurro mme fa’.

‘O saccio è brutto si sti cose stanne sulo dinto ‘o penzà,

ma quanto è carnale nu suspiro immaginà…

Si stu bene l’e pruvato nun è sulo cosa e’ penziero

t ‘o puorte ‘mpietto sempe, ogge, dimane e pure ajere.

20 risposte a "‘O penzà carnale"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...