Comme fosse n’aliante.

Quann’è stanotte, viene zittu zittu,

sosciame dinto ‘a recchia

nu sibilo amante,

accussì me suonne ca volo ‘nzino a te

comme fosse n’aliante.

Quann’è stanotte

famme sentì ca nun si’ distante,

fatte penziero, comme nu vase ardente

e ‘o cuorpe mio…

accussì se ne va appriesso a la mente.

 

19 risposte a "Comme fosse n’aliante."

  1. torno dopo un pezzo su wordpress e scopro la capacità di leggerti dialettale. Fino ad ora m’ero rifiutata; amo l’italiano, tutti i suoi suoni, il resto pensavo non potesse toccarmi. Ho cominciato con alcune liriche di Pierluigi Cappello, in friulano, settimane fa – meraviglie. La tua lingua non mi è altrettanto oscura, ovviamente. Così, “famme sentì che nun si distante, | fatte pensiero” è già il mio fiore, oggi.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...