Ed io vi maledico.

Ed io che volevo cantar gentile,

usignolo tardo in pelle senile,

digrigno rabbia e sprezzo solenne

e di bellezza mi si strappano le penne.

E a migrare in volo per altri cieli

me lo irretisce lo stolido ragliare

d’asini imbelli dal paese dei balocchi

usciti infiocchettati e foderati gli occhi.

Usciti si dalla giostra del ludico consenso

tra un happy hour e un riso senza senso,

nel girone della Geenna inattesa,

ignavi gridano…

pavidi, che d’un complotto è l’impresa.

Ed io vi maledico, sotto questo chiarore lunare,

voi fantasmi del nulla,

testimoni smunti di questo lupanare.

43 risposte a "Ed io vi maledico."

  1. D’asini imbelli siam circondati… in questo immenso grembo incosciente degli uomini, tra l’indifferenza della gente, la stupidità e la cecità di chi non vuol vedere davanti a tante maschere che scambiano il delinquente per il santo. In questo mondo dove la disperazione si scontra con l’ipocrisia e il menefreghismo dell’uomo che tenta di migliorare se stesso senza affrontare i propri demoni che da dentro lo divorano come un cancro… Bravissimo…

    Piace a 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...