Dei dialoghi all’imbrunire 3

(Come un vibrato di canto tra le foglie d’inverno)

-Ed eccoti ancora qui, traslucida presenza…

-Nel gelo grigio d’inverno, come senti mi son fatta vento.

-Se ti rendi sempre più ineffabile, come vuoi ch’io ti dia sostanza?

-Pensami musica tra le tue ombre…

-Così governerai ogni battito del mio dire!

(un sorriso divertito) Quel che accade da sempre, mio poeta basito…

-E se io ti rinnegassi? S’io mi immergessi nella cruda luce del giorno, tra la gente, sfuggendo, così a questa penombra sottile dove t’annidi?

-Oh, certo! Puoi anche provarci… Ma non appena distogli lo sguardo dall’onesta folla e guardi oltre il mare all’orizzonte, lì mi ritroverai sull’increspatura delle onde…o se vuoi, nel battito di ciglia, negli interstizi del tuo sguardo assente…

-Mi vuoi dire che non ho modo di liberarmi di te?

-Puoi chiedere al tuo cuore di smettere di battere al tuo respiro di svanire in ultimo soffio, ma chi ti dice ch’io non t’accompagno anche oltre confine? Sei tu che hai fatto di questa mia nebbia consistenza nelle tue inesauste scritture.

-Ho inteso. Vuoi dire che persisterai anche nel mio senza?

-E’ la mia natura Umana troppo umana che mi garantisce sussistenza…immaterica tessitura di tutte le vite che hai pensato…me ne hai imbevuto ed ora io di te posso anche far senza…(fruscio in canto)…senti queste creature che con me s’annidano tra le foglie?…Grazie a me loro son parte del tuo canto…s’io volo con esse nel vento tu non ne proverai rimpianto.

-E sia! Ti chiamerò mia parte nel tutto… mia vaghezza di spirito in sostanza. Non posso che accettarti inquieta presenza…baluginio d’altrove nei miei momenti d’assenza.

(Svanisce in riso allegro e lieve il lieve fruscio di canto tra le foglie d’inverno)

28 risposte a "Dei dialoghi all’imbrunire 3"

      1. Bellissimo… e mi ha fatto tornare in mente questo, scritto molto tempo fa…(Un po’ te la sei cercata…)
        PAROLE
        Nascono le parole
        come petali sull’acqua
        lasciati cadere dal vento.
        Scorrono leggere,
        frammenti di bellezza
        sul filo della corrente,
        e invano tenti di fermarli
        per costruire un fiore.
        Lasciale passare!
        Ormai
        non ti appartengono più.

        Abbi pazienza… mi viene spesso la voglia di risponderti con qualcosa che ho scritto… Ma di solito resisto. Ciao, e buon proseguimento!!!!

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...