Cunchiglie lucenti.

‘Nterra a rena ‘nce truove cunchiglie lucenti,

ma tu lassale ‘nterra nun ce fa’ na’ cullana.

Si ‘o mare llà l’ha purtate,

vo’ dicere ca nun vanno tuccate…

Però…si tu t’assiette e l’accarizze cu a mano

appizza e’ rrecchie,

sta a sentere ‘o canto e na terra luntana.

‘O ssanno e’ criature ca sentenne…

se fanno risa de sorpresa splendenti…

e quanne se fa notte…

‘o mare s’arrubba sti voci

e, co l’aiuto d”o viento, fa nove cunchiglie

mannannele ‘ncoppe ati spiagge…

accussì comme vene: a scumpiglio.

29 risposte a "Cunchiglie lucenti."

  1. Tu ca s’ì ommo d’o sottosuolo e caverne nun te proibisce ‘e scennere nfunn”o mare nzieme ‘e sirene. E se sape ca ‘o canto è nu struggimento, na malia p’ acchiappà ll’uommene ca nun hanno maje creduto ca loro esistono overamente.

    Piace a 1 persona

  2. Che musicalità hanno questi versi dolce amico mio. E’ come davvero fossimo in riva al mare e prendendo una conchiglia, mettendola all’ orecchio, se ne ascoltasse il canto che viene da lontano. Un sussurro melodioso che i tuoi versi sanno ben ricreare. Grazie , bravo dolce cantore. Isabella

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...