Vivere per morire.

Vivere per morire

l’essere nel tempo ha una scadenza.

E questa misura è già in chi nasce…

Oh, bolla soffiata nel gonfiore del ventre,

il tuo a venire è già nel niente…

Eppure, volatile, questa mente

concepisce brividi e sconfinamenti

e vede abissi oltre l’orizzonte degli eventi.

Oh, bellezza e dannazione di fragile sostanza,

ti rifugi d’ogni divina memoria in una stanza.

Che sia oblio o perdita, poi, che importa?

Non conosceremo mai i passi oltre la porta.

Pubblicità

10 risposte a "Vivere per morire."

  1. Eccola, la sento. E’ questa. Da brividi. Mi sembra in perfetta simbiosi con la mia. E’ bellissima. Sì l’orizzonte degli eventi, un buco nero che inghiotte tutta la materia, là dove il tempo si ferma e l’eternità vi è contenuta nell’assenza di tempo, Forse oblio, forse perdita, forse un’altra dimensione dall’altra parte del buco nero, una sorta di quarta dimensione che contiene il non detto il non vissuto ciò che poteva essere e non è stato, l’amore sconfinato e tutte le anime che hanno attraversato la soglia, Non conosceremo mai i passi oltre la porta. Grazie Ettore per questa meravigliosa lirica.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...