Na’ giostra.

Quanne scura notte t’adduone

ca te manca nu sorriso…

chissà addò l”e lasciato ‘mpiso.

Forse è rummaso mieza ‘a via

mieza ‘a via e’ na città luntana.

Nce steva na giostra…

na’ giostra e’ cavallucce in tunne

e si nce salive ‘ncoppe girave ‘o munno.

Nce steva na’ giostra

e tu rirevi comme a criatura cu ll’uocchie.

T’aggia accattà nu carillòn ca le sumiglia

accussì ‘o surriso nun resta ‘mpiso

t”o miette affianco

‘a notte quanne t’adduorme…

e mme faje turnà,

dinto a ll’aria d”o suonne, chillu riso.

36 risposte a "Na’ giostra."

      1. Grazie della consolazione, ma soprattutto è perchè è un momento che c’è l’ho con me stessa e quindi con me stessa sono anche più dura del solito 😌

        Piace a 1 persona

      2. No tranquillo non lo 0retendo e neanche mai te lo avrei chiesto, tutte le odi credo vadano rispettate così come sono, e questo comprende anche altre lingue e dialetti annessi 😉

        Piace a 1 persona

  1. Ettore che bella ! …Il tocco finale ,chiusa in gergo mi ha commossa . I carillon un suono noto e caro ogni tanto lo lascio andare , giro e giro la chiavetta magica fino in fondo .
    Quanne scura notte t’adduone
    ca te manca nu sorriso…
    ……………..
    a notte quanne t’adduorme…
    e mme faje turnà,
    dinto a ll’aria d”o suonne, chillu riso.
    …è proprio l’ora giusta ! Grazie 🎶😘

    Piace a 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...