Nel soffio d’amore.

Et voilà, eccoci intenti

a dipingere e sognare…

Volano i corpi in scena

d’ali finte splendenti

di quelle che la sera

portano via i venti…

E sull’arpa, liquide d’acqua,

fioriscono note, mentre…

struggenti i violini le afferrano

e si inseguono in conflitto d’amore

i canti…

Fratello, tu dici…Amico…

che la tua musica l’han portata i miei versi

che ora, con te, si piegano

all’amato canto dal sapore antico.

Oh, la nostra opera

morirà di gioia nei teatri di bellezza

accarezziamola, lavorandoci,

nel soffio d’amore in brezza.

Ad Antonio (compositore per Anime anfibie)

E tu mon amie le musicienne

onduli in note di canto

le mie parole accanto…

E le Anime volano nel tuo lied

lamento dolce che accarezza il vento

ed io commuovo in lacrime quel che sento.

E tu Natasha, uccello sonoro,

ne tracci e suoni nello spartito

ogni mio verso duro e ardito…

Oh, la fabbrica in cantiere di un sogno sfinito

fa solchi nella terra buona dell’arte

e voi ed io stasera ne seminiamo parte.

Dei miei teatri.

E mi vennero incontro anime ardenti.

Farfalle di luce in prisma riflettenti.

E sussurravano voci di pietà nei venti.

Mi vennero incontro anime ardenti.

Nella stessa notte

anfibie creature soffiavano ai venti

soffiavano storie nella notte lunare

mischiate al gemito della spuma del mare.

Dei miei teatri si son fatte figure

le canto umile arcane anime pure

tra versi diversi tra versi dispersi.

Oh! Di flauto e violino

o d’arpa in musica cascante

vi si nasconde…

il mistero d’una voce amante.

Cunchiglie lucenti.

‘Nterra a rena ‘nce truove cunchiglie lucenti,

ma tu lassale ‘nterra nun ce fa’ na’ cullana.

Si ‘o mare llà l’ha purtate,

vo’ dicere ca nun vanno tuccate…

Però…si tu t’assiette e l’accarizze cu a mano

appizza e’ rrecchie,

sta a sentere ‘o canto e na terra luntana.

‘O ssanno e’ criature ca sentenne…

se fanno risa de sorpresa splendenti…

e quanne se fa notte…

‘o mare s’arrubba sti voci

e, co l’aiuto d”o viento, fa nove cunchiglie

mannannele ‘ncoppe ati spiagge…

accussì comme vene: a scumpiglio.

Quanto so’ bella mo’…

Sta vocca mia s’è fatta de corallo,

sta pelle trasparente tene a luce e’ l’argiento

quanne esco a cantà ‘ncoppe a l’onne

sotto e’ raggi splendenti e’ sta Luna affatata.

Quanne s’aiza ‘o viento

piglio ‘a forma quase e’ n’auciello

purtanne ‘a ambasciata nuvella

e’ na vita nova assaje cchiu’ bella.

E’ capille so fatte de spumma de mare

e cagneno culore sotto a luce d”e lampare

e a ciorta bona vo’

ca mme so scurdata d”o cuorpe.

‘A carcassa ca se cunsumaje…

mutanne

‘nfra li rrocce e’ n’antico palazzo e’magia.

Quanto so’ bella, mo… Maronna mia!