Terra sorella.

Quanto fa bello l’addore de sta terra

quanto fa bello l’addore d”a legna ca crepita

e ‘a rugiada a primma matina

comme si fosse nu canto dinto a sta nebbia fina.

I’ mme vulesse scetà ncoppa a muntagna mia

cu pateme bello ca mme spiega la magia,

la magia de sta terra sorella,

Irpinia, ‘o verde e ‘a notte de stelle.

E nun se ponne cuntà è compatto l’argiento,

e i’ conto e’ nuvole, ca s ‘e pporta ‘o viento.

Annunci

Piccoli passi.

Mi lascio andare, a volte, a piccoli passi di pace,

li nutro nel silenzio di una sera dove tutto tace.

Ogni passo scandisce un pensiero bello,

un ritmo in vagare senza meta o  ostello.

E si mescola memoria con sorrisi fugaci

come un portar luce, nel buio, di dolci baci,

mentre gli occhi, commossi nel vuoto,

non puntano orizzonte,

ma solo l’andare intimo di un interno moto.

Facile all’amore.

Ti racconterò un sogno.

Erano, le botti, a rotolare verso il piano

ed io ad ordinarle

ad una ad una per stiparle poi in cantina.

L’odore acre del mosto selvaggio

m’annebbiava alleviandomi fatica,

era di luce soffusa la cantina antica.

Di buon vino d’annata si faceva travaso

ed io governatore di Bacco d’ebrezza pervaso.

Silenzio…

Solo, di tanto in tanto, distillato cadere di goccia

quale eco di vita che sboccia…

Non vedevo compagni né udivo sussurri,

ma, nell’aria, c’era l’allegria di un canto muto.

Chi può mai dire il perché di questa masseria,

di questo stipare botti del succo d’un sanguinoso vitigno…

forse non fu sogno, ma altro luogo dove io alligno.

Forse, in altra vita, fui viticultore,

facitore d’ebrezza, facile all’amore.

L’archivio del sempre.

Mi sono addormentato nell’abbraccio del tuo odore,

dal magazzino dei sensi me ne è emerso l’olfatto,

così tanto presente da avvertire la tua carne al tatto.

Ed il fiato di sussurro di labbra quasi combacianti,

quel sapore/calore che ha in bocca il sogno avveniente

sì da farmi benedire ciò che questa carne assorbe,

marchiata di scelta quando nella tua si annienta.

Oh quanto è più solido il corpo della mente sveglia,

solido artigiano dei suoi sensi aperti in dormiveglia.

Lui non ricorda, non si crogiola in fantasmi di memoria,

lui apre le dighe al flusso dei sensi attiva sinapsi di storia

scaldando l’epidermide

con cellule gemmate dall’archivio del sempre.

 

Lo spazio terzo.

Vuoi venire con me nello spazio di mezzo?

Quello che designa l’aurora o il vago tramonto,

quello che ci è accanto in penombra,

lo spazio in cui lo sguardo si distoglie

e gli interstizi d’altri mondi coglie.

Vuoi venire con me in questo spazio terzo?

Non è Io, non è mondo…

è l’uno e l’altro ma è tanto diverso.

Vi si accumulano incubi e pensieri belli,

se vieni con me sapremo scegliere solo quelli.

Melodia di fuga

Ho preso in carico ogni stilla della tua follia

e mi sono esposto, con paziente coraggio,

sanguinoso coraggio, alla danza dei tuoi mostri.

E tu lo sai.

Burattinaia instancabile, me li poni davanti,

davanti ad ogni passo, si’ che sghembo e tremante,

svelto da un punto fisso è il mio compasso.

Ho imparato, gentile, a crear mondi d’aurora,

di tenue luce a rischiarare l’abisso,

per non morire dalla tua pazzia crocifisso.

Ed ecco, allora, che ogni passante,

ogni insegna luminosa, o risata fragorosa,

s’aprono di cremisi gioia come una rosa.

Ma più d’ogni altro,

ciò che mi designa il mondo accanto

quel che di melodia di fuga mi regala incanto

è dell’orizzonte il mare ed il suo vibrare di canto.

 

Nu cantuccio d’ammore.

Piensace ‘ncoppe a n’isola deserta

n’isola miezo ‘o mare luntano luntano,

comme si narravuoglie

n’arravuoglie de tempesta nce avesse purtato.

E nuje nce costruimme llà nu cantuccio d’ammore.

Pe’ cuperta ce tenimme e’ stelle affatate

mentre ‘a musica c’a riala ‘o mare in sinfonia.

E nuje nce scurdamme ‘o mmale e ‘a pucundria

cantanne “quante è bello campà accussì, mamma mia”!

Si tenimmece st’isola comme a sogno di naviganti sperduti,

na’ tempesta e’ Prospero  ca nce fa l’incanto

e nuje, mane dinto a mano, nce scurdamme ‘o chianto.