Quel rosignol… una voce postuma per Maria Callas.

Quel rosignol d’amore e morte.

Una voce postuma per Maria Callas

Quel rosignol che si’ soave piagne…

Perhé un tal canto chiama morte e dolore,

se di bellezza esteso, suona d’amore?

Vuol forse dire:

che d’amore si muore e si piange

se d’asprezza dura ferita ti tange.

Oh maestoso canto d’alba, a chè ti fai tramonto?

Ti insinui nel notturno quale un’eco d’assenza,

un suono senza ascolto, illusione di presenza

canti l’atroce melodia di ciò che mi fu tolto.

 

Questo è il mio canto, sono io, Maria, quel rosignol che si soave piagne…l’origine ebbi in terra di mito, al mito destinata, dagli dei del mio Olimpo, a dar suono ai venti, eco di voce, figlia di miracoli e stenti… nel grembo di mia madre attraversai i mari: dal mio amato Egeo verso il nuovo mondo…io Maria Kalòs che di bellezza e bene porto il nome ed in cambio n’ebbi dolore e male…Oh, vi parlo ora in sussurro sommesso, tra l’onde del mio mare, dove volli le mie ceneri sparse…tornata in quelle acque primordiali dove navigava il mio piccolo Omero, nome che volli per la mia sperduta creatura per fa si’ che potesse un giorno risiedere tra quei poeti ch’io tanto amai……Ho amato, si, tanto… ed il mio canto, in dono d’amore vibrava presago, forse, d’un desiderio irragiungibile : ossessione della mia dannazione d’arte e bellezza. Ho amato ed il mio canto d’ugola e diaframma era estensione di passione…una passione barbara, selvaggia, quale quella di cui volle vestirmi il mio poeta amico amante, angelo cantore d’altri suoni…e con lui fui Medea…Ah, Pier Paolo, ben sapevi tu di quanti Giasone traditori era cosparso il mio andare…E non li voglio, qui, enumerare, che il mio mare me ne rese immemore, ora che vi appartengo, voce pura d’onda e risacca, priva del mio corpo che mai amai e che sentii prigione, gabbia , ingombro…(come un tono tra sarcasmo e ironia) e mi chiamarono divina io che volli esser femmina e madre mi ritrovai in veste di dea…una dea! Ah, la condanna del mito mi sottrasse al focolare caldo di grembo…Aristo, Aristo, beffa d’un nome amato, vaghezza di sogno… troppo pesante per te il mio abbraccio, troppo distante tu da quel nome…Il Migliore! No! Anche tu volesti espormi quale dea, scala d’un Olimpo ormai svanito tra demoni plaudenti che mal compresero il mio canto…Quel canto del delirio d’amore e morte che tanto vibrava nella mia Lucia…Ricordi Aristo? Ah il delirio d’ogni mia piccola morte in canto…un delirio di note, fulgidi salti d’ottave che nascondevano , incombente, il silenzio…il silenzio di questo mare che ora un po’ m’acquieta… E se voi, voi ch’ora ascoltate quel silenzio di cosmo che avvolgeva il mio canto, spegnete ogni eco d’esibizione in memoria…solcate, invece, di notte, su di una nave in beccheggio, il mio mare ed ascoltatene il vento…vi porterà la cara brezza, l’eco della mia voce, il richiamo magico di una donna che fu femmina carnale e che vola, ora, sirena di voce tra le antiche acque che cullano il suo dolore…(potrebbe qui, partire un canto)…

 

Annunci

Assolo…

Mi è venuta l’immagine di un attore, solo, in un teatro vuoto…e l’ho fatto agire, parlare…un’ennesimo “gioco di genere”…

L’attore misura, lentamente, i suoi passi sul palcoscenico. Si guarda intorno. Riflette, quasi in estasi.

Perché risuonano così diversi i miei passi in questo spazio? Quasi un’eco di mille epoche andate, sono chiuso tra pareti, ma sento la natura e le sue voci. Mi perdo, lo so, in questo luogo eppure sento altre forze che si immergono in me che mi faccio altro e più forte. Ti riconosco, teatro, e a te mi affido: al tuo cordame antico, alle tue tele artefatte , ai tuoi sogni che sono parte dei miei. Ora sei vuoto e di questo vuoto io sento il non tempo che spinge per entrare tra tutti i tempi possibili e vuoi farlo (scandisce quasi a sfida) attraverso il mio corpo!…Va bene…mi concedo a questa vertigine, mi concedo alle tue anime, ai tuoi venti, ai tuoi nuovi respiri: questa carne si farà altra carne ed io non ne sarò sorpreso, tutto nuovo e fuori di me…in fondo tu sei il mio grembo , un grembo da cui nasco ogni volta che tu vuoi concepirmi. (una lunga pausa)…ti sento vibri quasi di nuove presenze…e io le accolgo (quasi sacerdotale)…Luogo sacro di spiriti in maschera ridenti e piangenti, in urlo e sussurro, tra colori, buio e luce che trafigge come una lama…io sono in te, tu sei in me e siamo complici, ora di una nuova magia…accoglieremo, insieme, nuovi astanti pronti a traghettarli oltre il fiume del tempo: tra valli praterie e piccole camere dolorose…tutto compare, tutto svanisce per ricomporsi nella memoria di chi ci vede e con noi vive.

Quasi esausto, ma compreso dentro una dimensione spirituale, l’attore riprende a misurare i suoi passi, guardandosi intorno…

Venite! Venite! Spiriti di allegria e di dolore, di sberleffo e d’amore…sono pronto stanza dei giochi, sono pronto altare divino tra i fumi dei sogni infantili…in te rinasco nello stupore infantile e innocente del mio piccolo corpo d’attore!

Alza le braccia al cielo come ad invocare…poi ride lieve e piange…poi ancora ride…

poi inchinandosi piano piano, si raggomitola su se stesso come un feto.

Galeotto svela a Dante l’invidia per Paolo e Francesca.

(……………Galeotto fu il libro e chi lo scrisse

e da quel giorno più non vi leggemmo avante)

Posso sfogliare il mio cuore quale un libro dei sensi

ed inventare parole che l’animo d’amore m’addensi.

Ma non v’è foglio, papiro o volume che possa similare

corpo carnale;e se pur foss’io autore Galeotto ed ispirare

mortale amplesso, sarei dannato all’invidia di quei corpi

che in dolce deliquio

assaporarono l’eterno,

in infinito orgasmo,

al vento esposti.

‘E criature

Comme sso belle e’ criature

quanne nascene,

te jenchene e’ chiante e suspire

si che ll’aria attuorno

si fa odorosa e ddoce p’o respiro.

Comme so’ belle e’ criature

quanne te stennene a manella

e maliziuse, c’o’ pizzo a riso,

te fanno ‘a faccella.

Comme so’ belle e’ criature

quanne se metteno appaura

e nzino a te s’ammoccano

pecché tu si’ gruosse, si’ o’ rifugio

d’e’ lampi e d’e’ tuoni

Lloro nun o’ sanno,

ma a’ paura a levano a te

pecché, comme a ll’angele, so’ buoni.

Lassala…(canzone)

Ultima canzone che mi va di postare…ancora l’amante addolorato per l’amore perduto…ora sotto pressione della vecchia mamma che lo vede alle soglie della perdizione…siamo in territorio larmoyante…genere popolar sentimentale.

Lassala sta femmena, mme dice mamma mia

Primma ca ‘a capa toia te porta a na’ pazzia

Lassala sta femmena m’emplora mamma mia

Primma ca te manna a funno cu e’ sirene e ‘a pulizia…

(recitativo)

C’aggia lassa!? C’aggia lassa’?!

(canta)

Mammà, quanne ‘a femmina è carnale

T’e piglia’ o bbene e o’ mmale

Cu passione e cu dolore

Se va a funno pe’ n’ammore

Se va a funno malamente

E l’anema toia se sente

Dinto o’ scuro e’ zefunna’

(recitativo)

C’aggia lassa’?! C’aggia lassa’?!…C’aggia lassa’?!