Voce di farfalla

Quanta strada aggio curruto

pe’ vve purtà st’ammasciata…

I’ vo’ cunto si mme vulite sentere…

No…no! Nun so’ angelo de cielo

e nemmanco diavole e’ ll’inferno;

so’ creatura d’o viento

che da lu mare passaje,

pure, dinto e’ saittelle,

dinto e pe miezo e’ sfravecature

antiche  e’ malerba d’e’ mure…

e mmo aggio mparato o’ cunto

e v’o voglio dicere pe’ vve sanà:

O’ gelo e’ sta turmenta

ve nasce dinto all’ansa d’o core,

‘a solitudine ca vve piglia,

sperute miezo ‘a folla,

nun ve ffa cchiu maraviglia…

Ecco vve site scurdate che d’è l’assieme

e l’asse e’ stu munno se nclinaje

pe lu piso ca purtate mpietto…

sta turmenta vvo’ dice

e ‘a neve se fa turbine

pe’ raddrizzà sta palla…

si ciato ne tenite

affidatelo a stu viento…

cantanne lode a stu gelo e’ turmiento.

Misero raggio

Dov’è quella radura di cardi ed erba incolta

che di infiniti e smisurati passi planavo?

Sapeva d’erba grassa  e di umido al risvolto:

li’ oltre la lieve collina il ruscello che amavo

gracidava al tramonto di limpida purezza

ed un vento battente m’asciugava ebrezza.

Perché t’accampi, mia solitudine,

in altro paesaggio?

Perché  di rorido cemento e polvere

mi dai misero raggio?

Altra brezza

Innervato tra i miei

fiumi di verde

blandisco il tempo

di un’inutile attesa

di un che che mi accenda

di calore in altra vita.

Sfiorami con l’ali

del tuo pensiero,

così come fa questo fogliame,

ch’altra brezza n’avrei

nel sentiero sperso

dei giorni miei.

 

Voci

O voi che in suono disegnate il colore

delle mie parole

si’ che calde si fanno d’amore;

O voi che in toni gravi e acuti

riempite di mare i deserti muti;

O voi che amo che di folla fate uno

e d’uno folla in espanso amplesso,

disegnare, con voi storie, mi vale,

mi vale, si, qual fosse

una notte di sfrenato sesso.