Universo di vaghezza.

E vennero a dirmi sii felice

e se pur accade sappi, non si dice.

Ma in quale universo di vaghezza

potrei trovare una tale ebrezza?

Prendi una casa

sul mare alle sponde e una scogliera

fanne nido d’una storia vera…

Fosse pure oltre i confini del conosciuto

fanne rifugio per quel che mai hai avuto.

E fa che v’abitino solo sorrisi

canti d’uccelli e nubi di paradiso

Infine apri le finestre al sole d’amore

tra alba e tramonto inatteso bagliore.

E se riceverai un cablogramma

che dice testuale “Svegliati”!

Resta fermo e deciso, girati e riaddormentati.

Del cielo creatura.

Chi ti chiama altra metà del cielo t’offende

tu sei del cielo creatura immanente

di terra madre espressione e natura

chi viola infecondo la tua dolce coltura

viola del mondo la più alta statura…

Tu madre, tu figlia, tu magnifica sorella

d’ogni stagione, d’ogni cantica bella

ignota principessa gemmata da una stella.

A te che d’amore sei solco accogliente

a te umile canto, mistero sorprendente.

Ti voglio libera, selvaggia, indipendente nel diritto

c’ogni torto da te subito mi fa cuore trafitto…

Oh, regalami, Donna, l’istinto alla carezza

il tenero afflato del tuo soffio brezza

e fammi quota del tuo corpo infinito

che quel che ti dico nasce dal petto ardito

di chi venera di tua natura la fresca fragranza

ora e sempre, nell’universo, e in ogni stanza.

Danza celeste.

Vorrei abitare lì dove il suono si propaga

lì dove dal silenzio nasce sonora l’onda.

Vorrei essere tutt’uno col suono dal profondo

in confusione vibrata, immemore e giocondo.

Ah no! Non più mi basta l’ascolto distante

voglio assorbire il suono puro nel cuore amante

sinfonia primigenia d’ogni musica concepita

tra i deserti mondi del cosmo nota rapita.

Sarà così che, nel vibrare, io ed anime millanta

faremo danza celeste in gioia santa…

‘Na ‘nzalata e’ dulore.

E tu te ne staje zitta e muta rintanata

comme si a parlà ccu me

fosse ‘o chiummo e’ na frittata…

Troppo indigesta sta ‘nzalata e’ dulore

nu fritto misto de core in calore…

Allora aggiu licenziato ‘o chef e’ sti pietanze

accussì te siente cchiu leggera

e nun te vene ‘o male e’ panza.

Si sta dieta ca te propongo t’alliscia ‘o buonumore,

scurdatello ‘o stufato e’ sta carne ribollita

troppo condita d’evre e spezie d’ammore.

Na’ corda d’ammore.

Vulesse scrivere parole e suone ca fanno argiento

vulesse ca facessero sinfonia mo’ dinto a stu sgumento.

A cantà ‘o culore nun passa mai ‘a voglia

è na corda d’ammore ca nun se scioglie…

Tu che liegge ascolta sta museca che vene d”abisso

a dinto ‘e viscere e’ n’anemo vinto e scisso…

Si po’ te coglie mentre ca faje silenzio

fanne goccia sonora e vevela comme fosse assenzio.

Di dolore in fragranza.

Sarà bene far planare verso terra

quest’anima in volo…

Sarà bene che accetti di convivere

con questo corpo solo…

Figurare viaggi fa troppo male

fa pane azimo senza sale.

Non conosco d’altri corpi transustanziazione

e quel che tocco in vicinanza è la mia azione.

Perimetro infinitesimo di percezione e sostanza

mura bianche di un cunicolo stanza…

Non v’è sogno tra i neuroni smarriti

solo vertigine spinosa di dolori sbiaditi…

Di troppo vite hai consumato costumanza

una ne resta

e ti ha colto di dolore in fragranza.

A Partenope canto.

Il tuo grido d’uccello rapace si trasformò in fievole lamento

e all’onda marina appesantisti le ali ruspando la battigia.

Ormai sordo il navigante alle tue strida,

non ti fu amante, non ti fu preda…

Fu solo un sogno di uno smarrito che cercava altra strada.

E ti sei lasciata illanguidire dalla morte,

tu nel canto sirena destinata ad altra sorte.

Le tue compagne ne risero selvagge,

ma tu desti nome e carne a nuove spiagge.

Sappi, ibrida femmina, che l’eco del tuo canto

affascinò le genti che ti si posero accanto,

venerando la divina creatura, mistura di natura,

in caverna d’umido mare ti composero sepoltura.

Nelle notti in cui la Luna s’arrossa infiammata,

dipingendo di sangue le tue acque, i tuoi scogli,

l’amore d’ogni sperduto pescatore tu raccogli.

Stellare risonanza.

Il canto no, non sospende il dolore,

lo estende in pure vibrazioni sonore

e, mentre viaggia, altre anime accoglie,

sorelle stanche d’antiche doglie.

Il canto è spirito danzante,

antico rito d’ogni creatura vagante,

oh tu che ne ascolti il suono

lasciati cullare in oblio d’abbandono.

Figurati in cerchio di una danza collettiva,

di mille e mille mani che s’aggrappano alla deriva.

Il canto è scoria resistente d’antico suono primo

stellare risonanza della comune rimembranza.

Che tu sia in radura, monte, mare o stanza

lascia che il tuo corpo vibri d’amore in danza.

Nun ce sta edera…

Nun mme spià si provo dolore

nun tt’o dico si so’ pene d’ammore.

Lassame dinto ‘o silenzio ‘ncatenato

comme a Prometeo co’o fuoco ha dato.

Fuoco de sapienza e colore

‘a fiamma è spenta ma votta ancora calore.

Che nce vuo’ fa’ si canto dannato

na vota sprizzo ‘o Sole, n’ata vota jesce ‘o scuro

ma è ‘o campà ca me riala st’umore

e nun ce sta edera ca cresce ‘ncoppe a stu muro.

Così vicino, così lontano…

Così vicino, così lontano…

io cammino con il cuore in mano.

E lo dono, oh si! Lo dono

a chi sobbalza al mio sorriso

quasi sfidando il vento col viso.

Sfiorami creatura del paradiso

quel tanto che basta al sapor di fiato

all’istante immerso nel volto amato.

Così vicino, così lontano…

a ché questo vagare è si’ vano?

E il mio cuore nudo si sveste

tra i fantasmi urbani della città celeste.