Smarriti e stranieri.

Fummo in tanti

a perdere le chiavi di questo regno.

Smarriti e stranieri

nella città più non lasciammo segno.

Vagabondi tra diruti cortili

tra i silenzi d’aiuole incolte e scurrili

disconosciamo un tempo di noti sentieri

aggrappati a uno svanente inutile ieri.

In questa mutazione decadente

ci muoviamo

folla svogliata e consenziente…

E grigio è il colore di un sogno sgretolato

quadro dipinto di uno scenario screpolato.

Tutto ebbe inizio nell’ansia di rinnovo

che fece macerie d’ogni luogo di ritrovo…

Oh vociante onda umana dismessa

t’aggreghi solo divisa…

nella melma indistinta della ressa.

Quase quase nu manto ‘e neve.

E stanotte fa vierno ‘o vero…

quase quase nu manto e’ neve

‘o cielo

stanotte chiagnarrà sincero.

E i’…

me farraggio criatura dinto a stu gelo.

Ciocco a ciocco e’ cristalli splendenti

sarranno farfalle ca abballano cuntente.

E I’ saccio già ca cu lloro me metto a parlà:

“Scinnite ciocche de neve…

dinto a sti mmane sciuliate ca i’ ve bevo

comme quanne ‘a primma vota

me vasaste a faccia piccerella,

mentre ca…

astrignevo ‘a mano e’ pateme cu ‘a manella”

Dialogo nella bruma di inverno.

-Quante voci in questo gelo di lame d’acqua sottili. Tremori di luce e schizzi…quasi musica scherzosa e invadente…un inverno che dice “puoi scrivere di noi dal niente”…

-Ehi passeggero nell’acqua e nel cemento…se ti fai attento puoi ascoltare la mia voce cristallina…stavolta mi nascondo tra la pioggia e il vento…

-Sai dirmi tu, forse, perché quest’acqua mi sgombra lo scontento?

-Certo! Sono memorie d’umido felice…trasparenze lievi di vetri appannati, quando di contro al gelo si è cari e avvolti, al caldo rintanati…dici di ascoltare molte voci…e se fossimo quelle dei tuoi tempi andati?

-Come se questa bruma di inverno, dici, fosse odore di un tempo trasversale d’anima ed anime da me tra gli schizzi percepite…

-Si, perché no? Non sono forse io voce di vibrata nebbiolina…no, non voltarti! pensami per quel che sono: grumo nella bruma di una memoria un po’ bambina…

-Non sarai mica una voce da “Cime tempestose”?

-Avverti forse l’eco di struggenti perdite amorose?

-No! Solo la lieta malia d’un odore caro indistinto, un frizzare d’inatteso brio, come ti dissi, che mi spolvera lo scontento.

-Ed è bene così! Non inseguirmi tra le tappe di un tempo preciso…ecco ascolta il mio scalpiccio in girotondo…quale bimba in allegria dispettosa d’ogni tuo mondo….lo vedi? Tra i miei schizzi d’acqua il tuo sorriso s’è fatto giocondo…ed io lo so che quando tornerai tra le tue mura, appiccicherai il tuo naso al vetro e con la tua nebbia di fiato farai pergamena, per poi tracciare, col tuo dito smarrito, di mille indietro, la tua traccia di infinito…

Un sorso di vita.

Oggi ci beviamo insieme un sorso di vita

Figlio mio…

Tu mi sussurri intime confidenze

Ed io ti ascolto amorevole e presente.

Non è, questa, genetica sostanza,

Ma d’amore di pelle vicinanza.

Sei uomo e mi dici il tuo vissuto

Quel che hai dato, quel che hai avuto…

Fiore caro d’antica pianta,

D’altri sapori e terre ti sei nutrito

Quanto m’è caro riprendere con te

Un viaggio mai mai mai finito.

La dipinta veste.

Dammi una piega inattesa del tuo calore

pallido Sole.

Sì come ti fai radente tra le foglie

sfiora indulgente

anche le mie piccole voglie…

In questo meriggio semidormiente

mi sorprendo a parlarti,

ma lo so,

tu distante, fai finta di niente.

Ma sappi, principio di vita,

ch’io mi immergo nella tua quota celeste

e ti rubo, per la mia pelle, la dipinta veste.

Mano insolente.

E mme porta, pure stanotte, sta mano

ad arapì sta ferita e’ parole…

vulesse si cantà de rose e de viole,

ma ‘a mano

va dicenne ca l’alleria nun ‘a vole.

E allora scrivila sta canzone indolente,

comme, mana mia, te si’ fatta fetente!

‘O sanghe dinto e’ vvene

te va dettanno ‘o vveleno…

na’ malia de stanchezza feroce…

Ma io te fermo, mano insolente,

co ‘a linfa bona e’ nu pensiero doce.

Dei dialoghi all’imbrunire 3

(Come un vibrato di canto tra le foglie d’inverno)

-Ed eccoti ancora qui, traslucida presenza…

-Nel gelo grigio d’inverno, come senti mi son fatta vento.

-Se ti rendi sempre più ineffabile, come vuoi ch’io ti dia sostanza?

-Pensami musica tra le tue ombre…

-Così governerai ogni battito del mio dire!

(un sorriso divertito) Quel che accade da sempre, mio poeta basito…

-E se io ti rinnegassi? S’io mi immergessi nella cruda luce del giorno, tra la gente, sfuggendo, così a questa penombra sottile dove t’annidi?

-Oh, certo! Puoi anche provarci… Ma non appena distogli lo sguardo dall’onesta folla e guardi oltre il mare all’orizzonte, lì mi ritroverai sull’increspatura delle onde…o se vuoi, nel battito di ciglia, negli interstizi del tuo sguardo assente…

-Mi vuoi dire che non ho modo di liberarmi di te?

-Puoi chiedere al tuo cuore di smettere di battere al tuo respiro di svanire in ultimo soffio, ma chi ti dice ch’io non t’accompagno anche oltre confine? Sei tu che hai fatto di questa mia nebbia consistenza nelle tue inesauste scritture.

-Ho inteso. Vuoi dire che persisterai anche nel mio senza?

-E’ la mia natura Umana troppo umana che mi garantisce sussistenza…immaterica tessitura di tutte le vite che hai pensato…me ne hai imbevuto ed ora io di te posso anche far senza…(fruscio in canto)…senti queste creature che con me s’annidano tra le foglie?…Grazie a me loro son parte del tuo canto…s’io volo con esse nel vento tu non ne proverai rimpianto.

-E sia! Ti chiamerò mia parte nel tutto… mia vaghezza di spirito in sostanza. Non posso che accettarti inquieta presenza…baluginio d’altrove nei miei momenti d’assenza.

(Svanisce in riso allegro e lieve il lieve fruscio di canto tra le foglie d’inverno)

I mostri dell’Id

Ah, dove s’annida la deriva del male?

In quali segreti recessi la devianza

infrange il limite e si fa baldanza?

Sconosciuta è la sfumatura d’oscuro

che insidia d’ombra l’animo più puro.

Ah i mostri…i mostri dell’ Id

genetica persistenza d’antiche paure,

ruggiti arcani tra grotte e radure

violenza estrema s’annida nei neuroni

tra le fiamme flebili di notti oscure.

Ed io lo so…

Assai fragile è la membrana

che separa l’homo sapiens

da questa memoria arcana…

Tra abbandonati laterizi di cemento

la giungla urbana ne ripete il tormento

in una fine che somiglia al principio.

Ahimè, quell’Id oscuro egotico e di granito

da millenni d’evoluzione non fu scalfito.

Viene suonne gentile.

Viene suonne gentile…

accumpagname stanotte

dinto ‘o profummo

e’ nu ciore d’aprile.

Famme sunnà l’addore

d”a stagione d’ammore.

Miettece pure

quacche delicata sconvenienza

n’arravuoglio ca mme manca

pecché nun voglio fa’ senza.

Vide e’ mme sta a sentì suonne carnale,

rialame ‘a pace e nu colore

fa cchiu lieggia sta noia ca mme fa male.