Parole lucide

Rubo al tempo gramo

il sentiero di queste parole,

non per questo sono nuove,

ma lucide di sfregio

ora che ho perso

della mia vita il pregio

Inerpicarmi, si,

tra gli anfratti

d’un vivere di sfratti

giurando sogno alla bellezza

per attraversarne,

almeno una volta ancora,

la vivida ebrezza.

 

Ebbè i’ pazzeo

Ebbè…i’ pazzeo,

pazzeo pe’ nun murì:

dinto sta pucundria

se nquieta st’anema mia;

se fa’ lieggia

pe’ nun sentì ‘o piseme

che comme a chiummo

‘a tene ostaggio.

Che d’è?

Te pigli collera?

Aggià sprufunnà sulagno

pe’ mentre ca me lagno?

Tengo e’ forze d’o male

appise dinto e’ ccarne,

juorne pe’ juorne,

senza via di scampo…

Teneve a tte:

l’addore permanente

e’ na parola suadente:

me l’e’ luvata

e pure tenive ‘ diritto,

ma lassame, almeno,

‘a forza

e fa ‘o strunze strafritto.

Anime di carne in versi

E l’aria si fa più potente

sotto lo schiaffo

della vostra voce ardente:

Soffio, sussurro,

ansimar di parola:

è nenia e canto

in una volta sola.

Oh, si! Mie amate

anime di carne in versi,

assecondate

i miei sentieri perversi;

d’altri mondi scuotete

le fondamenta,

tra gli squarci del cosmo,

ed a questo mondo giocondo

mostrate

degli abissi il nero fondo.

 

Falene di bellezza

Non smetterete mai,

amiche tutte,

di reclamare potenti,

il mio desiderio:

sia che di mestizia mite

il vostro sorriso vestite,

sia che di sfrenata gaiezza

socchiudete

le labbra in ebrezza.

V’amo in fattezze di carne

modellate da anime scarne,

e pur anche argute e sfiziose,

quando sbocciate,

come in primavera le mimose.

V’amo cerbiatte

e pur anche balene,

perché per me,

di bellezza siete le falene.

Lì io ti avverto

Lì tra il porto e fabbricati

in continua mutazione,

lì tra la polvere

del cantiere del Tram:

io t’avverto.

Ciminiere in lontananza

disegnano fabbriche dismesse

laboriosa gente vi operava

ora è silenzio.

Cataste di containers

e l’alveare parcheggio,

memoria d’anime passate

nell’ormeggio

tra corpi e auto silenti:

lì, io ti avverto.

Una strada antica

che porta

verso ville abbandonate,

scheletri di vetuste ricchezze:

lì io ti avverto.

Non è che il rollio

di un imprevisto viaggio,

ma mi commuove

l’essere nel perimetro

del tuo amato raggio.