Son fiorite in aprile.

E’ un po’ che parlo con le mie piante,

chiamala, se vuoi, pazzia di istinto vitale.

le accarezzo, le rassicuro, le proteggo dal male.

Loro mi rispondono, con un brivido gentile

io lo so, entra il maggio e son fiorite in aprile.

A volte, timide, mi regalano una foglia

e, quando accade, di amarle mi vien voglia.

Oh, piccole tremule creature

amate il Sole

e accudite la notte, amiche pure.

A volte avverto

chissà quale anima vi si alligna

stabili e curve, piccole di vita pregna.

Annunci

Viaggiando…libero…

Amo quel sole che, per primo, ti bacia al mattino.

Quel mare che schiuma gli scogli amo

tuo fertile e mosso  d’acque richiamo.

Amo pur’anche il dolore della lontananza,

concime inesauribile che irrora i miei ricordi

e su quelle corde intense suonano i miei accordi.

Arrivo, persino, ad amare questa oscura prigione

che ha fermato il tempo vivo della mia unica occasione.

Oh, ti prego, non dipingerla d’oscuro nel dirla ossessione,

perché, di notte, sorge, potente, un’eco di emozione,

quando tra le stelle mi faccio vagabondo

viaggiando, libero,

nello spazio/tempo del tuo accanto fecondo.

 

‘A madonna d”e spade.

Tu puorte ‘o nomme d”a madonna d”e spade

ca guarda l’ombra scura e’ nu  figlio ‘nchiuvato.

Essa nun maledicette l’angelo ca lle purtaje ‘o dulore

s’abbracciaje ‘a croce e se pigliaje ammore.

E addevenette accussì ‘a mamma e’ tuttequante

d’ figlie sperdute e pure de chille nati avvacante.

Pecché, se sape, ‘a forza d”e femmene

nun s’abbranca sulo dinto ‘o ventre,

ma dinto all’uocchie e’ calore…

ca, chiagnenne chiagnenne,

se fanno fonte  ca sgorga acqua d’ammore.

Nati noi da ormoni feroci.

Non so per quale oscura maledizione,

ma io nacqui all’amore…

ne conobbi assai presto il languore,

brivido al ventre e madido sudore.

Nati noi da ormoni feroci

schiavi del senso, curiosi, precoci.

Se poi trovi compagna che t’esalta l’ardore

oh, non hai dubbi e lo chiami amore.

E ti dico, allora, compagna, fatti saggia

vieni con me su montagna o spiaggia

che sia baita o capanno

doniamoci all’orgia e non ci sarà danno.

Sempre inciso.

Oh tu, se altre carni o altri occhi toccherai,

so che il piccolo veleno della memoria di me assaggerai.

Questa non è profezia maledicente,

banale gelosia sdrucita e avvilente,

è sapienza d’atomi e cellule condivise,

stratificazione d’odore permanente

che non si scaccia, non si rimuove in un niente.

Oh vivrai, si vivrai, altri amori viaggerai,

ma il nostro turbine sbilenco e perverso

resterà sempre inciso come questo verso.

Na’ poesia.

Quanne penso a te me vene a mente na’ poesia

chella ca nun scrivo pecché sta dinto a vita mia.

‘A putesse scrivere cu l’inchiostro e’ sanghe

‘ncoppe a na carta fatta a pelle

mille e mille parole cu l’uocchie a pazzariello.

‘A scrivesse, sta poesia,

comme quanne faceveme ammore

cu ‘a tensione ‘ncuorpo e cu l’affanno dinto ‘ core.

E nun sonasse no comme a n’epitaffio

ma comme a nuvola e’ culore ammantata e’ soffio.