PUF!

PUF! Facimme n’ato esperimento futurista!

PUF! PUF! PUF!

Parapumfete! PATAPUMFETE!!!!!!!!

SCRRRRHHHRRRR!!!! Strapp! RAP RAP!

Se lacerene e’ ccarne cu l’ossa e pilossa

e mo me ne pozze pure i’ dinto a la fossa.

Però faccio comme e’ scheletri espressionisti

me metto a ballà facenne:

CLANG CLANG! CLANG!

E manne a fanculo a tutte quante!

Se me venesse n’atu rummore

facesse ancora cchiu’ clamore…

Che saccio?

CRUNF! CRUNF! CRUNF!

Mentre me magno e’ mmane!

Pecché ‘a vita, comme a pigli,

l”e sempe jttata, ieri ogge e dimane!

 

Notturno urbano (didascalia d’una visione)

Notturno urbano. Lontane sirene e scalpiccio, ombre in baluginio. Umori d’acqua, sgocciolio. Un qualche vapore che sa di nebbia. Intermittenza di lampioni. Qualche puttana in dondolio d’offerta. Qualche pausa, qualche fretta. Il notturno è per figure perse, maschere svagate per incontri fugaci. Un cantiere abbandonato è cattedrale spettrale, ferita d’asfalto. Sparuto è il verde e, nell’oscuro, trae da lui un imprevisto disperato cinguettio…sarà di fame o freddo, mentre di passi risuona un ticchettio. Notturno urbano. Dorme in abbandono la fontana sotto il faro di uno strano luccichio, paziente trattiene la lordura che galleggia. nel silenzio tutta la vita si spegne e lampeggia. Questo notturno d’ogni viandante è la reggia E sola va, regale, l’ultima ombra fugace…tratteggia le linee diafane e sfuggenti che distinguono il bene dal male.

 

 

Canto dell’amore perduto Blues

I’ vaco sbarianno,

‘o ssaje ca vaco sbarianno

e so anne, assaje anne ca me danno

(lamento in sax)

N’ata notte senz’ammore

senza nu ciato de calore

comm’è fredda chesta stanza

e ‘a cervella fora danza

(Sax in ottave a salire)

Senza ‘o schiocco e’ nu vaso

è na schiumma stu travaso

nu sudore senz’ammore

friddo e scuro dinto ‘o core

((lamento in sax)

N’ata notte senz’ammore

senza nu ciato de calore

dinto’a stanza grigia e scura

pure’a speranza mme fa’ paura.

(chiusa in cascata di note dolorose ad libitum)