‘A voce e’ n’angelo.

Quanta grazia nce vulesse mettere

tanta…dinto a ogne parola…

tanta da cellechià ogne anema sola.

Comme a miele d’ape laboriosa

vulesse addulcì cu nettare sonoro

ogne schianto ogne ferita d’ammore.

Ah cumm’è bello a cantà

pe’ spannere cu grazia luce e calore

mme vulesse ‘mparà

‘a voce e’ n’angelo doce e canoro.

A pieno diaframma.

I’ vulesse cantà ‘a canzone d”a luce

chella ca schiatta ‘o core

comme sulo po’ fa na freccia e’ calore.

I’ vulesse cantà na’ canzone e’ culore

chella ca te scioglie e’ vvene p”ammore.

I’ vulesse cantà e’ facce e’ nu diamante

comme sulo po’ fa’ n’anema amante.

I’ vulesse cantà cu ‘e viscere in subbuglio

a pieno diaframma…

cu stu cuorpo sperso e ‘ngarbuglio.

C’è un suono.

C’è un suono, ascolta, non so da dove viene.

Un canto è monodico ad una nota

a bocca chiusa finché l’aria si svuota.

Sarà richiamo? Sarà saluto?

Forse il respiro vibrato d’un amante muto.

Oh, non è fievole lamento,

né l’ansimare estremo dello scontento,

forse è solo un messaggio silente

affidato all’aria, in tono debole e ardente.