Le cose che ami.

Se mi dici le cose che ami

le amerò anch’io.

Se mi narri i tuoi angoli d’immenso

io, con te, a quelli penso.

E quel mare disteso di rosso colore

sarà onda lunga del mio occhio d’amore.

E se ami accostare l’oro al nero

mi avverrà l’effetto di un battito sincero.

E se di parole e immagini la tua vita dipingi

cadrà in me l’effetto di quando mi stringi.

Anema nera.

Scenne pe’ ‘e viche

pe’ strade e chiazze,

passa pe’ miezo ‘a gente

l’anema nera e’ sta città.

Quase è nu ciummo e’ dulore

senza spazio p”ammore

c’affoga e’ gole

e nun fa respirà.

Però dinto a ll’uocchie d’e criature

ognettanto

s’appiccia nu bagliore

na’ traccia e’ culore

tale e quale ‘o sole

che bagna ‘o mare

quanne e’ stutà ‘ a luce s’è fatta l’ora.

Mme si’ venuta ‘nsuonne.

‘O ssaje  ca mme si’ venuta  ‘nsuonne?

Steveme cianco a cianco, mano a mano

e ‘a strada sapeva comme fosse l’aurora.

A nu certo punto tu guidave n’automobile

nun m’allicordo ‘o culore…

ma ‘o facive cu na sicurezza

tale e quale nu gesto d’ammore.

E pigliajeme na’ scesa longa longa

curve e, luntano, nu promontorio

nu promontorio a mare…

quattro varche s’addurmevano fra l’onne

e all’intrasatta

nce truvajeme dinto a na selva e’ fronne.

Nun m’allicordo si facetteme ammore

però saccio e sento

ca attuorno  attuorno ballavano e’ culure.

Quanne m’aggio scetato

i’ te sentette affianco restanne affatato.

Visioni (per un teatro d’altrove)

Danzerete con me sotto cieli stellati

nei campi di grano dal sole abbagliati

tra il gracchiare di corvi e d’anime belle.

Danzerete con me tra prospettive aberrate

cunicoli d’abisso, labirinti senza accesso

e sarà stordente dirci “dove sono adesso?”

Oh, si, smarrimenti in spazi alterati

ad ogni passo come appena essere nati.

Respiro, soffio, tronchi in tensione

per un viaggio senza meta, solo emozione.

 

 

A mio figlio regista.

Nel teatro antico risonavano note potenti

gorgheggi di incanto, suoni dolenti

e tu….tu dal tuo palco giocavi di visione

assolvendo in immagini la disperazione

e dissolvendo colori truci

nella fantasmagorica  cattura di rifrazioni e luci.

Si lo so che questo è il tuo mestiere,

regalare alla retina l’artificio del tuo cantiere,

Ma stasera il tuo tratto elegante

m’ha dato gioia e bellezza straziante.

I miei fiori.

I miei fiori tra mille colori…

No, non nascono sul prato d’inverno,

nascono nel bosco del mio inferno.

Li coltivo, profumate memorie,

tra i cocci ruvidi nella mia vita scorie

Oh, m’è caro rifugio questo giardino

dove entro quando faccio gli occhi bambino.

Sorpreso dal troppo dolore…

m’affido languido

al profumo intenso d’un prato d’amore.

 

 

Smarrimenti in scrittura

Mi si è detto: “parli solo di te, non sai creare un personaggio, una vita altra…” Fosse facile entrare in vite altrui…qual è il grimaldello che apre la chiave del dolore a te sconosciuto? Si può forse fantasmare un sentimento ignoto? Millantare una gioia nata da anfratti oscuri? Oh, certo, l’io è un bastardo ingombrante un micromondo che pullula di complessità a volte false…vere e proprie trappole di una visione monocentrica… Aprirsi si, ma non sostituirsi…confessare che tutto parte dalla melma del tuo io. E contaminarlo, si, di vite..accettarne modi, lingue, posture…tolleranti d’ogni visione… e così forse, smarrirsi…ecco perdersi più che trovare e disegnare altri ignoti.   E se ti fai rugiada potresti diventare goccia tra gocce sbeffeggiando il tuo grumo d’io persistente…ed inventare così il linguaggio giusto che ci porta alle soglie infinite del niente…

Dell’anima il paesaggio

Se dell’anima c’è un paesaggio

se vive e si muove,

oltre realtà, in altro raggio…

tu vi abiti e non è un miraggio.

Ricordo, cara, quando vi entrasti,

s’usciva d’inverno

quasi fosse primavera

perché, sai, d’altri fiori

spuntavano fra colori i nostri odori.

Il bacio, fra fiati di scambio,

dipingeva impressionistici scenari

e d’emozioni il viaggio orizzonti rari.

Ora le nostre anime in intreccio,

io lo so, le accarezza, ancora,

dal mare il caldo libeccio.