Solidarietà social(e)

Vorrei dettare, in prosa, un pensiero,

ma il verso spinge e si impone, fiero.

E allora canto  alla comunità sofferente

di tutta la gente in questo mondo cadente.

Canto ai cuori che si sfiorano a distanza,

occhi e sensi,

intenti a sostenere l’altro di stanza in stanza.

E canto a te, elettronica magia,

insieme di spiriti in volo radente,

legame d’amore sorprendente,

tra palpiti e respiri di sconosciuta gente.

Dialogo de guerra…

Dicette uno:”Pare e’ sta’ ‘n guerra”

“E che t’aspettave” rispunnette,

“te pensave e’ sfruculià liberamente a terra?

Nun ‘o ssaje? Chesta è na’ serra

e chi l’accudisce nce jettaje tanta munnezza.

Mo’ te miette appaura e nun tiene allegrezza.

Cu chi t”a vuò piglià, passante spaurato?

Nzierrate dinto e aspetta ca passa ‘a nuttata.

Che d’è sta frenesia?

Nun può fa cchiu’ ‘o scemo miezo a via?

Arapete nu libro e liegge na bella poesia.”

Chille mme guardaje manco i’ fosse nu marziano,

tiraje annanze e se ne fujette luntano.