E gira…

E gira, gira, gira terra astronave,

ti porti  addosso le montagne e il mare,

gira in ritmo costante nel vuoto a vuoto

e con te trasporti anime e corpi

e trasporti pure le carcasse di infiniti morti.

Danzi perenne, paradiso e cimitero,

viaggi intorno alla luce

in un viaggio che non conduce,

mentre tra i tuoi emisferi

nascono miliardi di pensieri,

orizzonti di invisibili buchi neri,

sogni, epoche e memorie…

d’altri mondi , infinite scorie.

Permanente

Me mette ‘ncroce sta memoria assatanata,

nun vo’ sapè niente,

mme tene ll’anema attanagliata.

Sarrà pecché stu presente

nun sape e’ niente…

sarrà che ‘o futuro

auto nun è ca tiempo assente

e c’aggia fa’?

M’aggia tenè astritto

sta memoria e’ te, permanente.

Oltre quella porta…

Dove si nascondono i segni del nostro vissuto?

In quale anfratto della frattura del tempo?

Nella casa dove nacqui c’era un enorme e antico salone

esagonali mattoni di pietra cotta traballavano sonanti

e giù, al centro della vecchia cucina

s’intravvedevano altre vite indaffarate fuggenti.

C’era una porta a due ante a destra in fondo

nell’antico salone, dava nelle stanze da letto.

Mille e mille volte ho spinto la memoria in quelle stanze,

per me, bimbo, il mistero della notte…

forse luogo  di pianto e d’amore…

per me impenetrabile rimosso oltre una soglia.

Mi son detto…perché del salone vivo colori e rumori

mentre di quell’oltre mi si annebbia ogni bagliore?

Mi son detto

se solo potessi ora riattraversare quella porta

scoverei d’altri strati di vita memoria…

Ricordo la vetrata che dava sul cortile

luce bianca, velata e  gentile….

ma se strappassi il velo  oltre quella porta,

ne son certo, altre mille mie vite ne vedrei sortire.

L’acqua bbona fa memoria

Nuje criature de mare tenimme memoria assaje

l’acqua bbona nce cunserva

e tutto ‘o vissuto, no, nun ce lassa maje.

Simme naufraghe, overo,

‘a terra bbona l’avimma tuccata sulo ccu ll’uocchie

comme fosse stata na felicità promessa e sputtanata.

Lassajme la terra antica pa’ via nova

lastricata, nce pensaveme,

de ciure culure e addore de viento

e diceveme:

“stu viaggio mme leva ogne turmiento”

Ma la tempesta, comme fosse na mareggiata de pazzia,

nce strappaje li ciure, li culure e l’addore de viento

e nce lassaje ‘mbalia dell’onna fremente.

E tomba se facette lu liquido elemento.

Ma comme succede nelli ccose de natura

l’acqua fredda nce servaje ‘a memoria,

lu dono de li smarriti

ca murenne murenne ponno cantà na storia.

Nun ve pijate collera

si ve sona comme canto de dolore

pigliatele, doce chiagnenne, comme nu canto d’ammore.