E piove…

E piove…

Nel tintinnio notturno

vibra d’acqua la foglia amica.

Oh, non è il tuo tremore di freddo,

ma vibrato gentile d’accoglienza:

“Io ti bevo e di te non posso far senza”.

Vedo il tuo inchino,

un abbraccio al vento che sa di divino.

Noi, creature d’acqua e di terra,

respiriamo pensieri nel pianeta serra,

mortali e fragili sempre in guerra.

La foglia no.

Danza la gioia delle sue radici

ed oscillando fa i miei occhi felici.

Pubblicità