canto primigenio d’una protocellula vivente.

Nascette io dinto a nu brodo primordiale

nun sapevo niente né d”o bbene né d”o male.

Io, comme protocellula d’organismo  vivente,

nun m’immaginavo manco c’arrivasse tanta gente.

Po’ dice c’arrivaje l’evoluzione

cumplicannese assaje la situazione…

Anfibi, rettili, quadrupedi, bipedi

distruzione, rinascita ancora evoluzione…

Ma mo, visto ca ppe’ miracolo de poesia

pozze parlà nu poco pure d”a storia mia

ve dico ca chell’acqua de nascita bollente

era fatta pure de musica silente…

io nun saccio buono si primma e ‘me

nce steva quaccosa o pure sulamente niente

fuje na’ luce bbona da na stella proveniente

ca me lassaje cadere e me dicette:

“Va, pasce crisce… e popola sta terra e’ gente”

Mo dinto na’ notte stellata alla marina

guardate e’ stelle, l’acqua e ‘o cunnulio de l’onne

e sentite de me l’esistenza antica

e pensate a me comme padre e madre, volente o nolente,

de tuttequante razze umana e animale…

a me ca cadette a coppe na’ stella

cu ‘a speranza e’ fa nascere gente lucente e bella.

Di bellezza arte.

Il silenzio delle piante sa di antico,

ferme, irrorano d’aria il vento

più le guardo e più l’origine rammento.

Si intrecciano selvagge, conservando vita,

e pullula, microgiungla infinita.

Mi fermo, e ne ascolto il respiro

di pervicacia fluida l’esperienza ammiro

e nelle pause d’ogni istante

muto in chiaro l’oscuro sembiante.

Di questo verde, dico, faccio parte

e ne suggo, prezioso, di bellezza arte.

Un miracoloso accidente.

Molti ti diranno che la vita è breve,

di un’insenatura di fiume un’ansa lieve.

E ti diranno anche godila ogni istante,

fatti cavaliere e non oscuro fante…

Ti dico io, invece, che tu sei particella di infinito,

grumo consapevole di un prato altrove fiorito.

Sei tu un miracoloso accidente

di un mistero d’amore nato dal niente.

Sei parte, allora, d’espansione di universo,

sentilo, avvertilo e non sarai mai perso.

Scavo e scavo.

Scavo e scavo, contadino dei miei strati,

trovo errori, gioie e giorni malandati.

Scavo e scavo, mani nude e ferite

e trovo le stagioni di passioni ardite.

Scavo e scavo e non trovo il fondo,

il punto d’appoggio dove nacqui al mondo.

E precipito nello spazio/tempo,

imprigionato in miriadi di stringhe,

dove, passando,

mi commuovo ancora alle tue care lusinghe.

Mi cade memoria.

Acqua, acqua acqua…

primigenio bollore…

mi cade memoria di cellule gemmate

di vita istinto in luccicore di cosmo.

Sfera in calore d’amore

nel vuoto gelido dell’universo,

pianeta vivo, solo e disperso.

Mi cade, si, memoria d’ogni molecola al vento

al vento del fuoco che ti scalda e ti scuote.

Ti scuote dal fondo tra lo squarcio d’abisso

che vomita montagne dal liquido profondo.

Pianeta nato puro e per questo chiamato mondo.