Le cose che ami.

Se mi dici le cose che ami

le amerò anch’io.

Se mi narri i tuoi angoli d’immenso

io, con te, a quelli penso.

E quel mare disteso di rosso colore

sarà onda lunga del mio occhio d’amore.

E se ami accostare l’oro al nero

mi avverrà l’effetto di un battito sincero.

E se di parole e immagini la tua vita dipingi

cadrà in me l’effetto di quando mi stringi.

Pubblicità

Le vie carsiche del cuore.

E vanno…

fiumi di parole carsiche e sonore

vanno umide fra il diaframma e il cuore.

Scritte d’un sangue che pulsa e non muore,

irrora sinapsi di sussurri svenenti,

regala erezioni

d’antiche passioni ardenti…

Ah bagna il rosso cellule di memoria persistenti

e, in superficie, il grigio freddo

d’un digrignar rabbioso di denti.

Castelli sonori.

Soffro se non vi libero, mie disperate parole.

Premete, voi, in suono di respiro distante,

sommesse onde carsiche, flusso arrembante.

Ed io vi solidifico, tracce di luce,

in ritmo austero, giocoso, straziante…

Un ingegno balocco di castelli sonori

tra porte e finestre che s’aprono in amori.

Sbilenco m’è il disegno d’architetto,

ma se il vento spira giusto

corridoi di suoni veicoleranno ciò che è detto.

Un triste Flamenco.

Della mia vita ti racconto

di quello che resta o si muove

ed il tuo ascolto mi commuove.

Della tua vita mi racconti,

di quello che resta o si muove

ed il mio ascolto ti commuove.

Vibrano le note del tempo dolente

mentre il sole declina a occidente,

vibrano le corde di un triste flamenco

chiamando i corpi a tortuosa insorgenza

mentre noi parliamo soffrendo l’assenza.

 

 

Psorè…

I’ ‘o saccio. Tu a tutti sti guagliune

lle saje da’ speranza…

pecché d”o bene tu tiene ‘a crianza.

Tu t”e studie a uno a uno

ognuno e’ lloro è nu munno

e tu ce vuo’ trasì a funno…

Psorè…

E tu nce parle… d’a storia e d”a vita

na strada in cerchio aspra e infinita

e accussì tracce ‘o solco d”a sapienza

comme e’ capisco,

si po’ de te nun ponno fa’ senza.