Buonanotte in-canto.

Canto la buonanotte al tatto assente

all’intreccio frontale che mi sfiora la mente;

canto al notturno perverso languido e diverso

ritmato nei sussurri delle nostre mani frementi.

Canto la buonanotte di baci sfinenti

lungo il crinale

che va dalle labbra ai seni ardenti.

Canto l’infinito languore

che ancora alligna nel mio notturno

con la mano del dormiente

che indaga ancora tra le tue cosce.

Questa è la buonanotte che canto

evocando ancora quell’incanto.

Annunci

L’albero e l’omme.

E tu te ne staje mpizzato dinto ‘a terra

cu ‘e fronne a ‘o sole

senza na cazza e’ porta ca te nzerra.

Te miette a nudo a vierno

e te vieste, ‘a stagione, cu o’ culore:

nzomma

staje dinto a nu ciclo bello sistimato.

Pecché i’ mmece

me ne vaco sbattenne a destra e a manca

ppe vie che manco saccio cu l’anema stanca?

Che faje, nun me rispunne?

Me vulesse dicere: “so albero e nun so’ omme”?

Embè , visto che è chesto:

damme cu l’ombra toja refrigerio

ca mentre accussì m’arricreo

è capace ca na radice ‘a metto pure io;

e succedde ca nce scagnammo ‘a linfa

e pe’ miracolo,

sotto e’ fronne toje,

faccio comme stesse accucciato

cu chella bella creatura mia

ca dinto a sta magia

se facette pe’mme de stu bosco na ninfa.

Turgido ardore

Se è questo, ora, il mio sentire

perché mai ne dovrei patire?

Ebbro di vita m’accarezzo

ed il tuo seno al mio è adesso.

Labbra di senso schiuse,

battenti d’accesso al soffio

che il gelo respinge

in antro profondo di calore.

Non posso io chiamarlo amore?

lo chiamerò, allora, turgido ardore.

Fantasmagorica epifania

Perché, Natura,

non compi l’ultimo passo?

T’evidenzi, lo so, nei miracoli

del giro dei soli;

perché mai ci nascondi i prodigi

che tra le tue pieghe,

gelosamente serbi?

Gli infinitesimi mondi

che sono la tua radice

a noi li celi, beffarda,

paga di darci, solo,

ciò che è manifesto.

Fatti, una volta,

fantasmagorica  epifania,

espandi, in prodigio,

le tue particelle:

fa danzare ai nostri occhi

le tue antiche realtà gemelle.