‘O SSaccio…I know… Je sais…Eu sei.

Quante lingue parli? Mi si chiede.

parlo le lingue del pellegrino

che ho vaghezza di suoni fin da bambino.

Del portoghese porto

le inflessioni gioiose del corpo in allegria.

Del francese serbo

la postura liquida del corpo d’amore.

Dell’inglese assumo

l’onda oscura di Edgar e Willy…

Del napoletano abbranco

dal ventre il respiro caldo del mare.

‘O ssaccio… I know…Je sais…Eu sei…

che in ogni lingua io parlo di lei.