Na seta e’ viento.

Tengo mente a st’aria serotina

pare na’ seta e’ viento

e nu brivido piccerillo

m’accarezza nu poco pocurillo.

Dinto e’ viscere nu suspiro,

na’malincunia d’ammore…

Addò sta chella ca m’accarezza ‘o core?

Annunci

Sera al molo.

Stasera il mare parlava col vento,

sussurri lievi di quiete e vapore,

di quel vapore che al molo ne portava l’odore.

Stasera il vento sapeva di salmastro,

ne aveva rubato l’essenza alla luce dell’astro,

quel Lucifero accanto alla Luna

che numerava le barche alla fonda ad una ad una.

Una saetta sghemba.

Se ogni istante del mio andare

fosse acceso dal tuo accanto

io brillerei di gioia nel mio canto.

Ed invece, ecco, che lancio

una saetta sghemba al cielo

perché rimbalzi e cada e piova

piova come soffusa acqua nuova.

Un’acqua che bagni, lacrimosa rugiada,

ogni tuo passo, ovunque tu vada.

Copro così l’arco di distanza?

Trascoloro in suoni la tua vacanza

nel vibrato silente di una stanza.