Lemuri.

Danzano in riso sguaiato

e  in illusorio pianto…

nascono felici e muoiono,

baluginio di istante…

Tu ascoltali, fatti sfiorare,

ma no, non li toccare.

Sono, questi, effetti di retina abbagliata,

giochi d’ombra,

Lemuri di una stagione sognata.

Annunci

Pietre sonore.

Ah, pietre…pietre…secolari distese di suono,

scalpiccio di passi, sussurri d’abbandono.

Cantatemi l’abbraccio del battito notturno

l’incedere solenne delle maschere e del coturno.

Io lo vedo:

la luce del tramonto ha lasciato orme d’ombra

tra lo sgomento di versi di sangue

e le risa sganasciate di un pallido comico vagante.

Ah, pietre porose all’impatto del tempo,

ditemi l’angoscia dell’umano sgomento,

quello svanire, eroso, delle voci nel vento.

Per un attimo si, ne resto stordito…

vi sento…vi vedo…ai bordi dell’infinito.

s’io immagino…

S’io immagino…

fluttuazioni d’azzurro scuro…intenso.

Vedo creature…

Son plasmate d’una strana mistura

di luce e vapore

ma mi parlano finché la luce dura.

Occhi sono, a volte,

o luccicanti fiammelle sospese,

tremolanti in dispetto,

al termine delle mie dita tese.

Ma io rubo, furtivo, l’istante

e le scrivo in materia, da vero furfante.

Mare, mare, mare…

Mare, mare mare….

mare de cielo, mare de viento

mare de gioia e de turmiento.

Mare ca sciacqua

mare ca sona ‘a risacca

Mare ca ‘a spumma

mare ca ‘a luna allumma.

Mare specchio d’universo

mare casa del disperso.

Mare d’onda, mare che inonda.

Mare d’amore

mare di dolore.

Mare fatte connola

fatte connola e’ sti cuorpe bagnate

Mare ccu loro respira,

dalle voce e nu suonne affatate

dalle vita comme si mo’ fussere nate.

L’ipnosi dell’onda.

Sussurrando…

Vieni, vieni, vieni…

è fresca notte quest’acqua d’abisso

Vieni, vieni vieni…

nello splendore del silenzio.

Crescono alghe tra le antiche mura,

vieni, non aver paura.

D’argento rifratto d’azzurro è la casa dei pesci

No non temere che poi ti dico ne esci.

Vieni, io son padrone dell’ipnosi dell’onda

lasciati andare al silenzio che ti inonda…

Sussurrando…

Vieni…canta con noi oltre la sponda.

Bisbigliando

Vieni, vieni vieni…

Addò ‘o mare trase e jesce

Nce sta na’ caverna

addò ‘o mare trase e jesce

dice ca è na caverna affatata.

Siente pure l’addore de la moria dei pesci

si tu la esplori e te faje curaggio.

Nce truove pure li lische de li sirene

quanne dinto ‘o bagnasciuga facevano ammore.

Ma si addore bbuono siente pure ‘a puzza d”o zolfo

e te vene a mente,

ammagare na’ notte de vierno

ca chella po’ pure essere na porta de ‘nfierno.

‘O mare ncoppe e sotto ‘a fiamma…

I’ na vota nce trasette

e m’ha lasciato, p”a nostalgia,

nu dolore fitto fitto ‘mpietto.

Un cenacolo e la sua pentecoste.

Ti ricordi, amica? S’era in tre tra carte e sogni

cenacolo denso e volano d’onesti bisogni.

Storia d’amore e di cultura

di quella benefica ansia di ricerca pura

fuori da schemi e da sbilenchi sistemi…

Noi fra suoni, danze e voci dal buio

costruivamo l’imperfetto mondo di un'”era”…

S’era belli e fecondi di idee oltre steccato,

oh, dei tuoi occhi il brillio quanto l’ho amato!

Come amammo fratello quella testa a pera,

un po’ oscura, paurosa, ma nel cuore sincera.

Sai, quel cenacolo, in fondo, ebbe la sua pentecoste

d’un laico Santo Spirito

che ci porteremo, vagabondi, su nuove coste.