Memoria d’una apocalisse.

Siamo più di mille tra la battigia e le onde,

mentre il sole tramonta, disco immenso e rovente…

siamo più di mille io e la mia gente…

non c’è scampo alla rovina…

per me e la mia gente la fine s’avvicina.

Officiammo al tempio l’ultimo rito

per affidare al mare il nostro grido…

Ed il grido si fa ora canto di memoria

che affida al tempo la nostra storia…

Fummo, noi, popolo uno e potente,

connessi noi mente per mente

e presto saremo una marea assente.

Ecco eleviamo ora il canto disperato del morente

affidando ai corpi muti del nostri lari

gli ultimi pensieri cari.

Costruimmo città ardite,

guglie e volte infinite

fatte polvere al calore

di questo sole che ora muore…

Inevitabile resa.

Un giorno attraverseremo il deserto cantando.

Saremo centinaia di migliaia prosciugati d’arsura,

popoli misti, un’unica specie sotto raggi di calura.

Non sarà Babele ci intenderemo in unica paura.

Sarà un canto di pianto e d’addio, rassegnato, potente.

Punteremo al Nord pregando il sole inclemente.

E nella lunga notte poseremo i corpi spossati

maledicendo la fine alla quale siamo nati.

E negli occhi spauriti indagheremo ultime luci d’amore

troppo tardi scopriremo che v’alligna solo terrore.

Abbracceremo, allora, il vicino in spasmodica presa,

un atto di pietà che addolcisca l’inevitabile resa.

L’ultimo sorriso.

Non c’è pace.

Non c’è pace nel mondo in deriva

non c’è pace nella mia vita corriva.

Il mondo brucia.

Il mondo brucia di carni straziate

e il mio orto d’anima è incolto e graffiato.

Monna follia, lucida, progetta la fine

e il mio respiro corto ne avverte il confine.

Spazzato è in questo infimo bordello

il sogno e l’utopia di un tempo bello.

Tu che mi leggi regalami l’ultimo sorriso

Il segno estremo d’una piega gentile sul tuo viso.

La nube tossica.

E venne il giorno del basito silenzio.

Quel cupo risveglio nell’inverno del senso.

Passarono mille anni

da quando avvenne il tuo sorriso

e lo scandire fu segnato

da  solchi cupi sul mio viso.

Ed il male si fece sogni neri,

serpente d’ombra nei tuoi pensieri.

Il troppo amore

ha sfondato la membrana del dolore

ed ora, atarassica e silente,

avanza la nube tossica del niente.

L’uocchie d”a criatura.

ma dimme na cosa: “Tu mme vvuo’ bene?”

dicette ‘a criatura ccu ll’uocchie sgranati.

E teneva teneva na’ faccella triste

triste tanto ca nun s’era maje viste…

Chiudette l’uocchie ‘a criatura…

e sunnaje…sunnaje…

Sunnaje muntagne e pizzo de mare

sunnaje ‘a luce d”e lampare…

Sunnaje chill’uocchie allampanate e belle

e’ chella ca isso chiammaje ‘a figliola d”e stelle.

Mme si’ venuta ‘nsuonne.

‘O ssaje  ca mme si’ venuta  ‘nsuonne?

Steveme cianco a cianco, mano a mano

e ‘a strada sapeva comme fosse l’aurora.

A nu certo punto tu guidave n’automobile

nun m’allicordo ‘o culore…

ma ‘o facive cu na sicurezza

tale e quale nu gesto d’ammore.

E pigliajeme na’ scesa longa longa

curve e, luntano, nu promontorio

nu promontorio a mare…

quattro varche s’addurmevano fra l’onne

e all’intrasatta

nce truvajeme dinto a na selva e’ fronne.

Nun m’allicordo si facetteme ammore

però saccio e sento

ca attuorno  attuorno ballavano e’ culure.

Quanne m’aggio scetato

i’ te sentette affianco restanne affatato.

Tra pagine e universi.

Oh m’è tenero quel cuore bambino

al battito

del suo alfabeto d’amore mi inchino.

Ogni suono in sillaba si fa visione

di corpi tremanti in emozione…

E viaggio, viaggio, a capo chino

tra righe e spasimi e il tempo ballerino.

E vedo….

vedo corpi flessuosi in amore d’altri mondi,

affreschi stinti di passione dipinti

e il qui’ ed ora in fremito inatteso

come da avvolgente spirale preso.

E scrivo…

scrivo di me quale corpo/vela

che amore spinge oltre confine

tra pagine e universi senza fine.

Quel continuum a spirale.

Il cammino che tu sogni

vorrei fosse quel che percorri,

ma non v’è strada diritta

perché di ogni anima purezza

sbranata è dal gioco dell’asprezza.

Oh si potesse vivere

e l’insieme camminare

nel silenzio senza meta di un andare.

Sai? Quel continuum  a spirale

che non è il tempo scandito del lavorare,

ma il tempo indefinito del respirare.

Non conosceremmo , allora, né inizio né fine

pronti a sbaragliare ogni linea di confine.

E ne nasce, bello, il gioco del possibile,

dell’indeterminato…

lì dove il tempo e lo spazio svaniscono

e si pronuncia l’infantile “facciamo che era”.

Così saliscendi vie

spostando di continuo la frontiera.

Visioni (per un teatro d’altrove)

Danzerete con me sotto cieli stellati

nei campi di grano dal sole abbagliati

tra il gracchiare di corvi e d’anime belle.

Danzerete con me tra prospettive aberrate

cunicoli d’abisso, labirinti senza accesso

e sarà stordente dirci “dove sono adesso?”

Oh, si, smarrimenti in spazi alterati

ad ogni passo come appena essere nati.

Respiro, soffio, tronchi in tensione

per un viaggio senza meta, solo emozione.

 

 

Grafemi incerti.

No, non racconterò più i miei viaggi

quando la percezione, in lacrima bambina,

mi svela la scomposizione delle cose.

No, non regalerò più questo navigare in soglia

o, forse  si, lo farò, ma solo con chi ne ha voglia.

No non svelerò che nelle notti urbane

si celano rifrazioni di stelle arcane,

sogni fanciulli stuprati dall’irrisione dei bulli.

Terrò per me i sussurri del mio angelo caduto

tra i grafemi incerti d’un gioco perduto.