Viene suonne gentile.

Viene suonne gentile…

accumpagname stanotte

dinto ‘o profummo

e’ nu ciore d’aprile.

Famme sunnà l’addore

d”a stagione d’ammore.

Miettece pure

quacche delicata sconvenienza

n’arravuoglio ca mme manca

pecché nun voglio fa’ senza.

Vide e’ mme sta a sentì suonne carnale,

rialame ‘a pace e nu colore

fa cchiu lieggia sta noia ca mme fa male.