Na’ giostra.

Quanne scura notte t’adduone

ca te manca nu sorriso…

chissà addò l”e lasciato ‘mpiso.

Forse è rummaso mieza ‘a via

mieza ‘a via e’ na città luntana.

Nce steva na giostra…

na’ giostra e’ cavallucce in tunne

e si nce salive ‘ncoppe girave ‘o munno.

Nce steva na’ giostra

e tu rirevi comme a criatura cu ll’uocchie.

T’aggia accattà nu carillòn ca le sumiglia

accussì ‘o surriso nun resta ‘mpiso

t”o miette affianco

‘a notte quanne t’adduorme…

e mme faje turnà,

dinto a ll’aria d”o suonne, chillu riso.

Traimi, in sorriso…

Dimmi del fiorire in luce d’abbaglio

nell’opalescente mattino dei colori.

Dimmi del respiro d’ansia nuova

quella che al risveglio qualche volta si prova.

Traimi, in sorriso, fuori da questo grigio,

perché il mattino, qui, è tristo e bigio.

Dimmi dello scandire dell’ora di un incontro

quella che svanisce e ti porta ben oltre il tramonto.

Dimmi dell’aria che si fa lieve in cammino

quando la si fende frizzante con te vicino.

Traimi, in sorriso, nella regione del calore

che di stantio gelo quest’anima se ne muore.