Anime anfibie (grotte di rinascita)

E tra immagini di grotte, da acque invase, baluginii d’argento rossastro come di vita cangiante….onde d’anime di plancton oscillano quasi a vita evocare…un coro sordo viene dal mare…evoca caldo il raccontare come un flusso di voce che viene e scompare, mentre emerge, cellula vivente, ciò che prima era altro, assente… e dalle caverne bagliori di zolfo inferi vitali d’acque sulfuree a vita donare…perché chi racconta ormai, ne è parte, è mare.

Creatura( Tra oscillazioni cremisi ed archi ad onda): 

Nce sta na’ caverna

addò ‘o mare trase e jesce

dice ca è na caverna affatata.

Siente pure l’addore de la moria dei pesci

si tu la esplori e te faje curaggio.

Nce truove pure li lische de li sirene

quanne dinto ‘o bagnasciuga facevano ammore.

Ma si addore bbuono siente pure ‘a puzza d”o zolfo

e te vene a mente,

ammagare na’ notte de vierno

ca chella po’ pure essere na porta de ‘nfierno.

‘O mare ncoppe e sotto ‘a fiamma…

I’ na vota nce trasette

e m’ha lasciato, p”a nostalgia,

nu dolore fitto fitto ‘mpietto.

E sul dire la creatura quasi si confonde tra le onde…tra le onde…mentre nuova vita tra le grotte si diffonde…oh, miracolo dagli abissi incandescenti…viscere/mare dal cuore della terra divinità immanenti…