Il buon vento.

E mi metterò a danzare su un filo di luce

in equilibrio precario in compagnia degli angeli.

Il vento caldo degli spiriti lievi

mi terrà in equilibrio lontano dall’abisso.

Oh no, non è delirio, tu chiamala, se vuoi

visione…

Mi muoverò tra gli interstizi del tempo

in uno spazio altro a più dimensioni

e la scansione del viaggio

tu chiamala se vuoi emozioni…

Srotolerò, questa notte la corda d’argento

e dalle stelle in brillio trarrò il buon vento.

Pubblicità

Io lo so…

Io lo so…

che al di là di questa bolla di corpo

esistono cieli di intenso…

Io lo so…

che derivo da un tutto

così lontano…così denso…

Tra traiettorie d’anima e materia

vaga d’oblio l’essere mio

ai bordi dell’ignota sfera…

C’è chi lo chiama Tutto

o, il suo contrario, il Nulla…

ma io so…

che mentre fragile svanisco

da qualche parte io esisto.