Tra pagine e universi.

Oh m’è tenero quel cuore bambino

al battito

del suo alfabeto d’amore mi inchino.

Ogni suono in sillaba si fa visione

di corpi tremanti in emozione…

E viaggio, viaggio, a capo chino

tra righe e spasimi e il tempo ballerino.

E vedo….

vedo corpi flessuosi in amore d’altri mondi,

affreschi stinti di passione dipinti

e il qui’ ed ora in fremito inatteso

come da avvolgente spirale preso.

E scrivo…

scrivo di me quale corpo/vela

che amore spinge oltre confine

tra pagine e universi senza fine.

Grafemi incerti.

No, non racconterò più i miei viaggi

quando la percezione, in lacrima bambina,

mi svela la scomposizione delle cose.

No, non regalerò più questo navigare in soglia

o, forse  si, lo farò, ma solo con chi ne ha voglia.

No non svelerò che nelle notti urbane

si celano rifrazioni di stelle arcane,

sogni fanciulli stuprati dall’irrisione dei bulli.

Terrò per me i sussurri del mio angelo caduto

tra i grafemi incerti d’un gioco perduto.

Voglia bambina.

Io lo so che è la musica che ci porta lontano

siano le note estese di un canto arcano

o un’arpeggiare di corde vibranti tra le dita

sentiero sonoro di un viaggio in via smarrita.

Io lo so che lo strumento a fiato

dona al diaframma di chi è nato

il mantice magico del lamento d’amplesso

le labbra calde spingono dal ventre e dal plesso.

Io lo so che chi suona ha voglia d’amore

voglia bambina di condividere il suo stupore.

Io lo so che chi ascolta ha voglia d’amore

voglia bambina di percepire con ardore.

Spirito antico.

Invadimi , spirito antico,

di sussurri in visione siimi amico.

D’ogni pietra ascolterò

il sapore dei passi,

levigato ardore

d’antichi piedi d’amore.

E di vaghe ombre regalami presenze.

Narrami d’epigrafi dimesse

e di obliterate assenze…

Trascriverò ogni suono…

veicolami, spirito antico,

nel viaggio di un tempo amico.

Sopralluogo nel teatro antico.

Cammino e v’assaporo, pietre antiche

com’è che così tante cose mi dite?

Scalpiccio, sussurri e risate di luce

sotto l’arcata che al teatro conduce.

Perché trasuda così forte questo spazio/tempo?

Non posso altro che farmi poroso a questo vento.

Che fai tu, ombra che mi incalzi?

Eh, lo vedo. T’allunghi e vuoi sfiorarmi

del tuo amore in versi baciarmi…

Accipio…

Oh, il mio sangue si fa vino

vino divino che Dioniso sparge…

Si sparge pulsante al ritmo battente

in pizzico di cetra e tese pelli

mentre m’assale un tintinnio di campanelli.

Così prendo dal tempo altro la gioia

e del presente muto uccido la noia.

Nu palazzo ‘nfunno ‘o mare

Quanne ‘a nave jette a funno

nuje ‘nce truvajme all’atu munno.

Ma nun fuje paraviso né ‘nfierno

ma nu palazzo de colonne de piperno.

Colonne de marmo istoriate

storie de pisce e de criature abbandonate.

‘Ncoppa a la porta d’ingresso,

comme fosse nu benvenuto all’accesso,

campeggiava ‘o tritone Colapesce,

co l’anello d”a regina,

ninnolo affatato ca lu trasfurmaje in pesce.

Pe’ dinto se culuravano li storie de Partenope,

de Ulisse e delli sorelle d’abisso.

e nfine tante stanze e stanzulelle

cu l’acqua cavera e temperata

pe truvà ricietto doppe na vita sventurata.

Si nun nce cridite

venite ccu nuje a funno

venitavenne all’atu munno.

 

Canta ‘o mare.

Sentite mo’ ‘o cunto e’ stu canto

comme fosse na’ notte d’incanto

Voci e suone sciuleano ‘ncoppe all’onne.

Storie de varche e d’ammore

d’o funno saglieno e sonano ancora.

Nce sta l’angelo d’o marenaro,

isso l’ha visto sotto ‘a luce d”a lampara.

Nce stanno li spumme d’argiento

ca se fanno chioma d”a sirena

ca trascina a riva li sperduti d”o mare.

Tutto nfuso d’e lacrime e speranza

canta ‘o mare pure dinto a sta stanza.

 

 

Del teatro e d’altre storie.

Nel mio teatro tu ci sei, creatura.

Sei negli occhi sostanza di bellezza,

postura e sogno tra tagli di luce

nei segreti meandri di umbratili quinte,

nelle pagine dei nostri sogni di scena mai stinte.

Dei maestri assorbimmo le linee

in rifrazioni di luce e d’oscuro

e inesausti ne viaggiammo intorno

di libri e di storie il nostro corpo adorno.