Bellezza in nuce.

Trottano a frotte torelli e ninfe

scalpitano gioiosi bellezza in nuce

chissà questo passo,

nel tempo, dove li conduce.

Li osservo e li misuro

ad uno ad uno…

Tu esploderai in fragile fiore di asprezza,

tu, altro, d’amore assaporerai la tristezza

e tu…e tu…

Io li osservo e li misuro ad uno ad uno

flusso di vita travolgente

forse, di loro non saprò mai niente.

Annunci

Quel ch’io chiamo amore.

Di quel ch’io chiamo amore

quel che conta è la cura.

Oh lo sfiorarsi di baci in dolce postura

è languido fremente contatto

ed i corpi scovano curiosi ogni anfratto,

ma se il dio baro della follia li distacca

no non fu amore se la cura che resta è fiacca.

Oh lo so dirai che questa è letteratura

che l’amore ha la luce nel tatto…

ma se la cura svanisce,  dico,

mi vien da pensare che fu amore distratto.

Lo splendore triste.

Ah sento l’infinito delle nostre ore

quel tempo rubato un po’ sognato.

Sento lo splendore triste dell’albergo a ore

noi rintanati in un confine

ai bordi di un giro senza fine.

Ah li sento i corpi sgomenti d’emozione

l’istinto dell’istante di chi è amante

dove l’ora che fugge

è eros gioioso che distrugge

distrugge l’ansia del tempo

perché il viaggio è in quel frattempo.

Psorè…

I’ ‘o saccio. Tu a tutti sti guagliune

lle saje da’ speranza…

pecché d”o bene tu tiene ‘a crianza.

Tu t”e studie a uno a uno

ognuno e’ lloro è nu munno

e tu ce vuo’ trasì a funno…

Psorè…

E tu nce parle… d’a storia e d”a vita

na strada in cerchio aspra e infinita

e accussì tracce ‘o solco d”a sapienza

comme e’ capisco,

si po’ de te nun ponno fa’ senza.

Comme fa strano.

Comme fa strano a te pensà luntano

sarrà sta mania e’ te tenè poesia,

carne putente pe’ na’ parola vivente.

Comme fa strano…

Io scrivo comme si te tenesse ‘a mano

e mme fa strano dicere ca è invano.

Quanne fa notte, po’, ‘a cosa è cchiu’ dolente

pecché ‘o scuro assumiglia tanto a stu niente.

Compleanno

Sai, cara, domani compio gli anni.

Ma non so più come contarli,

se secerno i vissuti dai dispersi

incolmabile è il vuoto da che ti persi.

Da quando fosti il tempo cambiò misura

chissà…

lo sentii come tempo d’astrale congiunzione

tradimento al cosmo fu la divisione.

Ora mi suona greve la scadenza

ora che l’anno si compie con te senza.

Parole…

Ho riempito archivi di parole

chissà se vivono ancora

o se sbiadite si sono sciolte al sole.

Parole che aprono porte

parole estreme che danzano la morte.

Parole d’aria per voli leggeri,

parole di fuoco per infiammare i pensieri,

parole d’acqua per trafiggere gli abissi

parole di terra per placare gli eccessi.

Con le parole ho dato orbite ai mondi

lanciandole in ellisse per viaggi fecondi.